Contenzioso & Arbitrati

As one of the major independent Italian firms, NCTM boasts a litigation department of over 70 professionals providing assistance to clients from a variety of sectors. The team recently handled numerous litigation cases relating to financial, tax and product liability issues.
Chambers Europe
The team is known for Recommended for in-depth knowledge of the banking sector, as well as an ability to handle complex mandates… “Well organised and co-ordinated efficiently”
Chambers Europe

Nctm offre un dipartimento dedicato al contenzioso tra i più strutturati nel panorama dei principali studi in Italia, in termini di risorse dedicate e di esperienza maturata dai professionisti operanti in tutte le sedi.

Nctm è in grado di affrontare contenziosi complessi nei settori tradizionali del diritto dell’impresa così come in quelli di più recente interesse. Garantendo assistenza, anche in situazioni di urgenza, che richiedano l’immediata disponibilità di risorse professionali specializzate, avvalendosi di una capillare rete di corrispondenti di comprovata affidabilità, sia in Italia sia all’estero.
Nctm presta assistenza sia nella gestione di rapporti in fase pre-contenziosa con particolare attenzione alla valutazione del “merito” della controversia, sia nello svolgimento di procedimenti giudiziari ordinari e speciali, nonché di arbitrati nazionali ed internazionali, sia nel ricorso a strumenti alternativi di risoluzione delle controversie (cosiddetti ADR) con particolare riguardo alla conciliazione e alla mediazione.

Questi i principali settori in cui opera il dipartimento:

  • controversie in materia societaria e di diritto commerciale, comprese quelle che coinvolgono la disciplina delle società quotate e regolamentate in genere;
  • controversie in materia bancaria e d’intermediazione finanziaria;
  • controversie in tema di contratti commerciali e appalti;
  • controversie in materia di risarcimento dei danni a persone e cose, ivi comprese quelle per responsabilità da prodotto e le campagne di richiamo;
  • controversie in materia assicurativa;
  • controversie in materia successoria;
  • attività di recupero crediti – credito al consumo.
  • Comunicati Stampa
  • Articoli
  • Newsletter
30/05/2017
Diritto della Proprietà Intellettuale - Contenzioso & Arbitrati

Nctm Studio Legale ha assistito con successo Asia Nuccetelli, figlia della nota show-girl Antonella Mosetti, nella controversia nei confronti di un provider che nel 2013 aveva pubblicato, a mezzo internet, un servizio giornalistico da ritenersi lesivo del diritto all’immagine, alla riservatezza ed alla reputazione della ragazza.

In particolare, il provider aveva pubblicato e diffuso – attraverso il proprio sito – una serie di fotografie non autorizzate che ritraevano Asia Nuccetelli (all’epoca quindicenne) senza alcuna tecnica di oscuramento e che erano accompagnate da una didascalia a lei riferita e dai contenuti inopportuni.

Lo scorso 25 maggio, il Tribunale di Cagliari ha condannato il provider al risarcimento del danno. La sentenza emessa assume notevole importanza nel quadro della giurisprudenza relativa alla responsabilità degli internet providers, stabilendo che, sia in tema di privacy sia in tema di diffamazione, l’operatore che fornisce spazio virtuale a contenuti realizzati da terzi, ma piuttosto assume la gestione diretta del sito selezionando tali contenuti ed immettendoli in rete – proprio come il provider – non è esente da responsabilità nel caso in cui tali contenuti violino i diritti della personalità altrui, anche avuto riguardo alla necessaria tutela rafforzata della riservatezza, dell’immagine e della reputazione dei minori, tale pubblicazione e diffusione non risponda ad alcun interesse pubblico o a giustificate finalità informative.

In particolare, quanto alla lesione della riservatezza, il Tribunale di Cagliari ha ribadito il principio secondo cui l’onere di provare l’acquisizione del consenso espresso da parte del soggetto rappresentato (nel caso di specie l’esercente della potestà genitoriale sul minore ritratto) grava sul fotografo o su chi dia corso alla pubblicazione, e che tale onere non può darsi per superato con l’allegazione di presunti consensi impliciti e non univoci né tantomeno dal fatto che il soggetto raffigurato sia semplicemente in compagnia di un soggetto notorio ovvero si trovi in un luogo aperto al pubblico.

Nctm Studio Legale ha assistito Asia Nuccetelli con un team guidato da Gianluca Massimei, coadiuvato da Lelio Galdieri e Luca Guidobaldi.

1/06/2017
Contenzioso & Arbitrati - Diritto Amministrativo, Pubblico Comunitario

In 2008 the European Union adopted the EU Directive on Certain Aspects of Mediation in Civil and Commercial Matters (2008/52/EC) on mediation in civil and commercial disputes. The objective is to “create a workable, light-touch Directive, which reflects existing guidelines and best practice and can serve to encourage the wider use of mediation across the EU. The Directive was not the first attempt to promote mediation. The EU  has published a Green paper, two Directives on Alternative Dispute Resolution (ADR) in consumer disputes and Online Dispute Resolution, and has sponsored the drafting of a European Code of Mediators. In addition, at the supranational level, UNCITRAL had approved a set of conciliation rules in 1980, and a model law in 2002 on international commercial conciliation.

The EU Directive requires Member States to establish mediation systems in cross-border disputes, but also invites Member States to consider if such systems can be made applicable to domestic matters, even if some Member States had already introduced non-adjudicative methods in their legal systems. The Directive covers the essential issues concerning mediation, within a lightly-regulated framework: with regard to confidentiality (Art. 7) what is disclosed in a mediation session must not be disclosed later by the parties in a judicial or arbitral proceedings (exceptions may be established only for the protection of fundamental public interest, such as personal or psychological integrity); limitation periods will be suspended during mediation (Art. 8); judicial enforceability of the settlement agreement must be guaranteed (Art. 6).

Three approaches to the promotion of mediation exist today in continental Europe[1]: the “pragmatic approach” exemplified by Denmark and the Netherlands, and consisting of first experimenting with pilot-projects, followed by regulation; the “cultural approach” exemplified by Switzerland, where the education of lawyers to non-adjudicative methods is paramount, and where a number of traditional conciliation practices within the judiciary itself render litigation a “last resort method”; the “legalistic approach” exemplified by some major European states, among them France, Spain and Italy, where first a comprehensive regulation on mediation is established, and then the results are evaluated.

Once the choice to regulate has been made, there can be different ways to approach regulation itself: 1) market regulation (generally recommended only for high-end commercial disputes); 2) self-regulation by a community or industry; 3) formal regulating framework, defined by legal parameters; 4) formal comprehensive legislation.

The EU approach has been to create a “formal framework”. Incentives, sanctions and detailed regulation have been left to the Member States to decide. The formal framework is therefore a flexible one, allowing to adopt a variety of mechanisms. Out of the 28 EU members, 22 have established an accreditation system for mediators, and 15 provide legal aid for destitute litigants in mediation. Only 10 Member States allow the judge to order the parties to attempt mediation before commencing litigation, and just 6 States have some form of mandatory mediation on the basis of the disputed matter[2].

EU Member States in fact are not prevented from requiring that parties participate in a mediation proceeding, or to an informative session on mediation, as long as the right to having one’s day in court is preserved, and the proceeding is not exceedingly long or expensive[3]. Compelling mediation is a less than optimal solution, but in the short- to medium-term, it might be considered the only option to jumpstart mediation in the legal system.

Training and selection of the mediators is not regulated by the Directive. Member states have to ensure the quality of mediators by encouraging training and the adoption of codes of conduct, and by providing quality control on mediation procedures. However, only 5 Member States include mediation in the legal education curriculum, and in most countries, a 40 to 50 hours-course in generally sufficient for accreditation. The aspect of training and job incentives is going to be crucial if mediation has to become mainstream, as the European institutions hope. Virtually all European countries leave the fees to be paid to mediators to the market, since they provide no court-sponsored or financed mediaton programmes. This may be a problem where these fees are instead controlled or capped, such as in Italy. By not committing the financial resources that are needed to reneder this service commercially viable, States may derail the ADR market. In the first years after the Directive, a large number of mediators were accredited, and therefore most mediators still mediate only a handful of cases per year. As a result, where mandatory mediation is established together with price control, civil and commercial mediators work virtually pro bono.
Mediation legislation has now been implemented in all Member States, but for some years the inflow of mediation proceedings has been limited to say the least, as it was in the past, with the notable exception of the few countries where mandatory mediation was introduced[4]. Some Member States have started a discussion to modify legislation, and have set up opt-out systems, where the parties must see a mediator in person, before deciding explicitly that they do not intend to take advantage of the process: if the party and/or their lawyer do not comply with this obligation, the judge may later award some of the legal costs to the counterparty, no matter what the decision on the dispute is.

Resorting to mediation implies a change in the legal culture, which can only be achieved gradually. The path towards a more balanced use of adjudication to resolve indiscriminately all types of conficts, will probably take longer than anyone expected.

 

 

 

 

 

 

[1] Alexander, N. (2008), Mediation and the Art of Regulation. Queensland University of Technology Law and Justice Journal, 8(1), 1–23.

[2] For a comprehensive comparison table on mediation legislation in the EU member countries, see: Schonewille, M., & Schonewille, F. (2014), The Variegated Landscape of Mediation. A Comparative Study of Mediation Regulation and Practices in Europe and the World. The Hague: Eleven International Publishing.

[3] Judgment of the Court (Fourth Chamber) of 18 March 2010. Rosalba Alassini v Telecom Italia SpA (C-317/08).

[4] De Palo, G., D’Urso, L., Trevor, M., Branon, B., Canessa, R., Cawyer, B., & Florence, L. R. (2014), “Rebooting” the mediation directive: assessing the limited impact of its implementation and proposing measures to increase the number of mediations in the EU. Retrieved from http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/etudes/join/2014/493042/IPOL-JURI_ET%282014%29493042_EN.pdf.

27/04/2017
Contenzioso & Arbitrati

Con un nuovo intervento di fine estate, il legislatore è intervenuto ancora una volta in via d’urgenza sulla disciplina del codice di procedura civile, in particolare sulla disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione: il 31 agosto 2016 è stato infatti pubblicato il decreto legge 168/2016, recante “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari” (“D.L. 168/2016”).

Il D.L. 168/2016 è stato convertito in legge il 25 ottobre 2016 (“L. 197/2016”) e contiene una serie di modifiche dirette a consentire una più celere definizione delle controversie davanti alla Corte di cassazione.

In particolare, l’intervento del legislatore è avvenuto attraverso:

  • l’attribuzione al Presidente della Corte di Cassazione e ai Presidenti delle Sezioni della Corte di Cassazione del potere di provvedere con un decreto preliminare presidenziale su questioni che prima richiedevano una decisione da parte dell’organo collegiale, vale a dire:
  • integrazione del contradditorio in cause inscindibili e la notificazione ovvero la rinnovazione della notificazione dell’impugnazione in cause scindibili (art. 377, comma 3°, c.p.c.);
  • dichiarazione di estinzione del processo nei casi di rinuncia e negli altri casi previsti dalla legge, se non è stata ancora fissata la data della decisione (art. 391, comma 1°, c.p.c.) ;
  • l’estensione dell’ambito di applicazione del procedimento in camera di consiglio, che diventa il modello procedimentale di carattere “generale”, con conseguente riduzione della trattazione in pubblica udienza a ipotesi “residuale”: se prima la Corte di Cassazione pronunciava in camera di consiglio solo nei casi espressamente previsti dall’art. 375 del codice di procedura civile, con l’entrata in vigore della riforma si pronuncia in camera di consiglio (con eccezione ovviamente dei casi in cui può essere emesso il decreto preliminare presidenziale: v. supra) non solo nei casi già espressamente previsti dall’art. 375 c.p.c., ma anche “in ogni altro caso, salvo che la trattazione in pubblica udienza sia resa opportuna dalla particolare rilevanza della questione di diritto trattata” (art. 375, n. 5, c.p.c.);
  • la limitazione della discussione orale nei procedimenti davanti alla Corte di cassazione: se prima la discussione orale era ammessa come regola generale, anche nel procedimento in camera di consiglio, dopo l’ultima riforma è ammessa solo nel caso in cui il ricorso debba essere deciso in pubblica udienza (art. 379 c.p.c.) (quindi, come visto prima, solo in casi residuali), mentre in tutti i casi in cui il ricorso è deciso in camera di consiglio (quindi, come detto, di regola) la discussione orale non è più ammessa (artt. 380-bis, 380-bis.1., 380-ter c.p.c.).

Se l’estensione dell’ambito di applicazione del procedimento in camera di consiglio e (soprattutto) l’attribuzione al Presidente della Corte o ai Presidenti delle Sezioni del potere di decidere alcune questioni con decreto preliminare presidenziale possono forse essere visti come novità idonee a consentire una più celere definizione dei giudizi in cassazione, la limitazione dell’ammissibilità della discussione orale non sembra avere lo stesso rilievo a tal fine e incide invece su un diritto delle parti finora riconosciuto come regola generale.

In ogni caso, l’(eventuale) effetto positivo della riforma sui tempi di definizione dei giudizi in cassazione è favorito dall’applicazione delle nuove norme non solo (i) ai ricorsi depositati successivamente alla data di entrata in vigore della riforma (i.e. il 31 ottobre 2016) ma anche (ii) ai ricorsi già depositati alla data di entrata in vigore per i quali “non è stata fissata udienza o adunanza in camera di consiglio.

 

Il contenuto di questo articolo ha valore solo informativo e non costituisce un parere professionale.

Per ulteriori informazioni contattare Roberto Munhoz de Mello (roberto.demello@nctm.it).

 

27/04/2017
Contenzioso & Arbitrati

Il Tribunale di Milano, con riferimento ad una compravendita di quote di s.n.c., ha recentemente affrontato la questione dell’errore sul valore della partecipazione.

Questi i fatti:

  • viene stipulato un contratto di compravendita di quote di s.n.c.;
  • il cedente chiede ed ottiene l’emissione di un’ingiunzione per il pagamento del prezzo;
  • il cessionario si oppone all’ingiunzione e, in via riconvenzionale, chiede l’annullamento del contratto per errore essenziale ex 1429, comma 1°, n. 2 c.c.: sostiene, in particolare, di essersi determinato ad acquistare la partecipazione a fronte dell’esibizione, da parte del cedente, di alcuni documenti (i cc.dd. “bilancini”), con i quali era stato rappresentato un pacchetto clienti e un valore economico della partecipazione che sarebbero poi risultati non corrispondenti alla reale situazione della società;
  • il cedente si costituisce in giudizio, chiedendo la conferma dell’ingiunzione e il rigetto delle domande del cessionario: rileva, in particolare, che non era mai stata prestata alcuna garanzia relativamente al valore della partecipazione compravenduta.

Alla luce di questi fatti, il Tribunale si è chiesto se l’errore sul valore del patrimonio sociale di una s.n.c. (o, comunque, sul valore, e quindi sulla qualità, della partecipazione societaria) possa qualificarsi come “errore essenziale” ai sensi dell’art. 1429, comma 1°, n. 2, c.c.

La risposta è stata negativa.

Il Tribunale ha osservato, infatti, che il cedente non aveva concesso al cessionario “alcuna garanzia circa la qualità dei beni ricompresi nella società, né in relazione alla consistenza patrimoniale della stessa”.

Con la sentenza in parola il Tribunale di Milano si è uniformato all’indirizzo della giurisprudenza di legittimità (v. Cass. 19 luglio 2007, n. 16031, citata in motivazione, sia pur relativa ad una compravendita azionaria), secondo cui la cessione della partecipazione ha come oggetto immediato la partecipazione e solo come oggetto mediato la corrispondente quota del patrimonio sociale, con la conseguenza che l’annullamento (per errore essenziale) o la risoluzione del negozio (per mancanza di qualità dell’oggetto del contratto) possono, di regola, essere fondatamente domandate solo in presenza di un’espressa garanzia circa il valore del patrimonio e la qualità dei beni.

 Il contenuto di questo articolo ha valore solo informativo e non costituisce un parere professionale.

Per ulteriori informazioni contattare Daniele Griffini (daniele.griffini@nctm.it)

27/04/2017
Contenzioso & Arbitrati

La Suprema Corte torna sulla questione della validità dei contratti c.d. monofirma, ossia della copia del contratti bancari e finanziari conservati negli archivi della banca recanti la sola sottoscrizione del cliente e privi invece della firma dell’istituto di credito, affermando che detti contratti sono nulli e, come tali, inopponibili al correntista.

Accade di frequente, nella prassi dei rapporti bancari e finanziari, che il perfezionamento del contratto avvenga non già mediante lo scambio della proposta della banca e della conseguente accettazione del cliente, bensì  per il tramite della sottoscrizione, a cura del rappresentante della Banca e del cliente, di due copie identiche del medesimo contratto. Al momento della conclusione del contratto, ciascuna parte trattiene copia del contratto sottoscritto dall’altra: pertanto, il cliente dispone della copia del contratto sottoscritta dal funzionario della Banca e la Banca dispone invece della sola copia recante la firma del cliente.

In un simile quadro, nell’ambito dei contenziosi instaurati dagli investitori al fine di conseguire la restituzione delle somme investite in mancanza di un valido contratto quadro – ma lo stesso vale con riferimento ai giudizi avviati dai correntisti per conseguire la ripetizione delle somme, a dire degli stessi, indebitamente percepite dalla Banca a titolo (inter alia) di anatocismo e usura – capita molto di frequente che il cliente ometta di produrre la copia del contratto regolante il rapporto contestato e che, dal canto suo, la banca si costituisca in giudizio producendo la sola copia del contratto di cui dispone: ovverosia, quella recante la sottoscrizione del cliente e non corredata anche dalla firma del funzionario dell’istituto di credito. A fronte di ciò, la contestazione ricorrente da parte degli investitori (o dei correntisti) che agiscono in giudizio è quella per cui la sola sottoscrizione del cliente non è di per sé sola sufficiente ad integrare il requisito della forma scritta ad substantiam, ciò da cui deriverebbe, quanto ai rapporti di investimento, la nullità delle operazioni di investimento eseguite e, quanto ai rapporti di conto corrente, la mancanza di pattuizione con riferimento alle condizioni economiche applicate dalla banca in corso di rapporto e, conseguentemente, la nullità del rapporto medesimo.

La normativa nel quale si collocano le sentenze della Suprema Corte in commento è quella dettata dal Testo Unico Bancario: a norma dell’art. 117 TUB, “i contratti sono redatti per iscritto e un esemplare è consegnato ai clienti”, “nel caso di inosservanza della forma prescritta il contratto è nullo”, e, secondo quanto disposto dall’art. 127, “le nullità previste dal presente titolo operano soltanto a vantaggio del cliente e possono essere rilevate d’ufficio dal giudice”.

La questione  centrale è, dunque, se la produzione, ad opera della banca, della copia del contratto sottoscritto dal solo cliente sia un equivalente della sottoscrizione congiunta e sia sufficiente a ritenere rispettato il requisito della forma scritta posto dalla normativa di settore.

Il precedente orientamento della Suprema Corte (Cass. civ., 22 marzo 2012, n. 4564) affermava la validità del contratto c.d. monofirma a condizione che: (i) il contratto recasse la dicitura “un esemplare  del presente contratto ci è stato da voi consegnato” o “prendiamo atto che un esemplare del presente contratto ci viene rilasciato debitamente sottoscritto dai soggetti abilitati a rappresentarvi”; oppure (ii) alla sottoscrizione del contratto da parte del solo cliente facesse seguito la produzione in giudizio di copia del contratto da parte della Banca; oppure infine (iii) alla sottoscrizione del contratto da parte del solo cliente facesse seguito la manifestazione di volontà della banca di avvalersi del contratto stesso, risultante da plurimi atti esecutivi dalla medesima posti in essere nel corso del rapporto. A giudizio della Corte di Cassazione, il requisito della forma scritta poteva dunque ritenersi rispettato anche in mancanza di una copia del contratto recante la sottoscrizione dell’istituto di credito, non occorrendo la simultaneità delle sottoscrizioni.

La Corte di Cassazione, con due sentenze “gemelle” molto recenti pronunciate in materia di negoziazione di strumenti finanziari (Cass. civ., 24 marzo 2016, n. 5919 e Cass. civ.27 aprile 2016, n. 8395), muta il proprio precedente orientamento ed afferma l’invalidità del contratto monofirma. In particolare, secondo la Suprema Corte, le diciture “un esemplare  del presente contratto ci è stato da voi consegnato” o “prendiamo atto che un esemplare del presente contratto ci viene rilasciato debitamente sottoscritto dai soggetti abilitati a rappresentarvi” non hanno valore confessorio (non vertendosi in ipotesi nel quale il contraente, ovverosia la Banca, abbia perso senza sua colpa il documento che gli forniva la prova ai sensi degli artt. 2724, n. 3, e 2725 c.c.) e non sono quindi sufficienti a dimostrare il rispetto della forma scritta. Ancora, il comportamento tenuto dalle parti durante il rapporto non può sostituire il consenso che la normativa di settore richiede sia dato per iscritto. Infine, la produzione in giudizio, da parte della banca, del contratto privo della sua firma realizza un equivalente della sottoscrizione e comporta il perfezionamento del contratto, perfezionamento che, tuttavia, non può che avere efficacia ex nunc. Da ciò discende, in caso  di contratto quadro di investimento, la nullità degli ordini di acquisto eseguiti precedentemente al perfezionamento del contratto e, in caso di contratto di conto corrente, la nullità degli addebiti effettuati dalla banca a titolo di capitalizzazione, interessi ultralegali e commissioni di massimo scoperto per il periodo precedente alla produzione del contratto da parte della banca sono nulli, con conseguente diritto del correntista a ripetere le somme corrisposte.

 

Il contenuto di questo articolo ha valore solo informativo e non costituisce un parere professionale.

Per ulteriori informazioni contattare Gian Carlo Sessa (giancarlo.sessa@nctm.it) e Federico Corti  (federico.corti@nctm.it).

La legge portuale italiana vieta ad un operatore la gestione di più aree demaniali aventi ad oggetto la stessa attività di impresa in un medesimo porto. Analizziamo come questo divieto potrebbe essere stato modificato a seguito della recente riforma del 2016.

Proseguiamo ad esaminare una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana, la quale ha chiarito gli obblighi gravanti sull’Amministrazione Pubblica in caso di espropriazione di aree private nei porti italiani.

La recente estensione del campo di applicazione del Regolamento generale di esenzione per categoria (2014) alla concessione di aiuti di stato a porti ed aeroporti dell’UE ci induce a ricordare due recenti sentenze della Corte di Giustizia in merito agli aiuti di Stato nel settore marittimo e – in particolare – alla compensazione degli obblighi di servizio pubblico alle imprese incaricate della gestione di servizi d’interesse economico generale.

Poi, analizziamo due sentenze, provenienti da Regno Unito e Spagna, riguardanti l’applicazione di due importanti convenzioni internazionali nell’ambito de trasporti internazionali, le Hague-Visby Rules e la CMR. La sentenza inglese conferma che la mancata materiale emissione di una polizza di carico non rileva al fine di escludere l’applicabilità della normativa uniforme, mentre la sentenza spagnola ci fornisce una definizione di “colpa parificata a dolo” ai fini dell’esclusione del limite di responsabilità vettoriale.

Anche la Corte di Cassazione italiana ha emesso due interessanti sentenze in materia di trasporti. La Suprema Corte italiana ha negato al portatore della polizza di carico la titolarità ad agire nei confronti di un vettore marittimo per danni alla merce, in caso di mancata girata della polizza di carico dal ricevitore al portatore, e ha considerato uno “scambio di contenitori” quale ipotesi di colpa grave del vettore stradale.

Infine, analizziamo una sentenza della Commissione Tributaria di Roma, relativa alla IRESA, la tassa sul rumore negli aeroporti italiani. Tale sentenza, in considerazione del fatto che la Regione Lazio ha disatteso i principi e le finalità previsti dalla normativa nazionale ed europea relativi alla destinazione del gettito derivante dall’imposta, ha concluso per la disapplicazione dell’IRESA per come prevista dalla normativa regionale.

Alberto Rossi

There’s a fair European wind blowing

Probably the most important outcome of the French election is not so much the actual electoral defeat of the National Front but the decision of that party to remove from its policy programme the idea of withdrawing from the Euro and promoting a referendum on Frexit. In other words, those parties which have based their political offer to the electorate on the negative impact of globalization and the hard impact of immigration, no longer see the solution as the break-up of the EU.

The same in happening in the Netherlands and even in the UK where the May government is promoting the need to address the negative aspects of globalization and migration in a substantive manner and not long saying that Brexit itself is the answer.

This is a window of opportunity that the EU must embrace. The underlying issues of migration and globalization must be addressed. But if they are addressed in a satisfactory manner the EU itself is not being challenged. There is a recognition in France and in the Netherlands, and even in Germany given the results in the recent Lander elections among the vast majority of the electorate that the EU remains a valid project and that the solutions are best found within its remit.

If Macron and Merkel can get together with the Italy and Spain, much can be done. From an insider’s point of view the only possible hiccup in catching this favourable wind is the capacity of the Commission to recognize it.

 

Alitalia: amministrazione straordinaria secondo round
Con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) del 2 maggio 2017 è stata disposta la procedura di amministrazione straordinaria di Alitalia Società Aerea Italiana S.p.A. ai sensi del d.l. n. 347/2003 (c.d. legge Marzano) e con sentenza del Tribunale di Civitavecchia dell’11 maggio 2017 è stato dichiarato lo stato di insolvenza.

Il Tribunale può inserire in sede di omologazione clausole modificative della proposta di concordato?
La Cassazione 3 aprile 2017, n. 8632 ha stabilito che il decreto di omologazione può essere reclamato, anche in assenza di opposizioni, in relazione ad addizioni estranee alla proposta introdotte d’imperio dal Tribunale, che non rappresentino semplici formule organizzative della fase di esecuzione del concordato.

La banca risponde del danno causato alla società dagli amministratori per ricorso abusivo al credito?
La Cassazione 20 aprile 2017, n. 9983 conferma un proprio precedente secondo cui la banca può essere ritenuta responsabile per concorso nell’illecito, distinguendo la fattispecie da quella della concessione abusiva di credito.

Cause di ineleggibilità e decadenza del sindaco professionista in uno studio associato
Ai sensi dell’art. 2399, lett. c), c.c. è ineleggibile, e se eletto decade dall’ufficio, il sindaco che intrattiene con la società o sue controllate rapporti di natura patrimoniale che ne compromettano l’indipendenza. Ci si interroga se il caso in cui il sindaco sia parte di uno studio associato che presta attività di consulenza alla medesima società integri l’ipotesi prevista dalla legge. Sebbene il quesito sia risolto tendenzialmente in senso affermativo, permangono tuttavia dubbi circa i criteri adottati dalla Corte di Cassazione al fine di determinare i casi in cui, concretamente, l’indipendenza del sindaco possa dirsi compromessa.

La portata della delega gestoria nelle s.r.l.: contenuto e limiti
La Suprema Corte, con sentenza n. 25085 del 7 dicembre 2016, ha riconosciuto la legittimità di una delega di gestione di carattere generale, da parte del consiglio di amministrazione a favore di singoli consiglieri delegati con esercizio disgiunto dei poteri, nella misura in cui la stessa non sia diretta ad escludere l’esercizio di un concorrente potere di gestione da parte dell’organo collegiale amministrativo.

Trattamento di dati per finalità di marketing: la tutela delle persone giuridiche
Il Garante per la Protezione dei Dati Personali, con provvedimento n. 4 del 12 gennaio 2017, ha precisato la disciplina relativa al trattamento di dati personali per finalità di marketing, dichiarando illegittimo sia  il trattamento di dati raccolti per il tramite di moduli presenti all’interno dei siti internet delle società sia il trattamento di dati (i.e. le utenze telefoniche) autonomamente reperiti sul web.

La responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. n. 231/2001 all’interno dei gruppi di imprese
È ammissibile una responsabilità, ai sensi del d.lgs. n. 231 del 2001, della società capogruppo per reati commessi nell’ambito delle attività svolte dalle società da essa controllate a condizione che a) il soggetto che agisce per conto della holding concorra con il soggetto che commette il reato per  conto  della persona giuridica controllata; e che b) possa ritenersi che la holding abbia ricevuto un concreto vantaggio o perseguito un effettivo interesse a mezzo del reato commesso nell’ambito dell’attività svolta dalla società controllata.

Considerazioni in merito alla rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere
La sentenza della Corte di Cassazione, sez. II, n. 4205 del 3 marzo 2016 offre l’opportunità per dare brevemente conto delle diverse posizioni di giurisprudenza e dottrina in materia di rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere.

La responsabilità degli amministratori non operativi e il dovere di agire in modo informato
La responsabilità degli amministratori privi di deleghe operative, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione Civile, Sez. I, 31 agosto 2016, n. 17441 in commento, non può discendere da una generica condotta di omessa vigilanza – tale da essere identificata nei fatti come una responsabilità oggettiva – ma deve essere ricondotta alla violazione del dovere di agire informati, sia sulla base delle informazioni che devono essere rilasciate da parte degli amministratori operativi, sia sulla base delle informazioni che gli amministratori non operativi possono acquisire di propria iniziativa. L’individuazione dei presupposti della responsabilità degli amministratori deleganti si inquadra, pertanto, in un discorso che valorizza la differenziazione dei doveri imposti agli amministratori delegati e quelli tipici degli amministratori non esecutivi.

 

Patti parasociali di rinuncia preventiva all’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori
Con sentenza 28 settembre 2015, n. 19193, la sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale di Roma, nell’affrontare il tema della rinuncia pattizia all’azione di responsabilità verso gli amministratori di una società, ha affermato la validità delle clausole dei patti parasociali, con le quali i soci “entranti” si impegnano a non esercitare l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori “uscenti” o comunque a non votare favorevolmente in assemblea.

La Suprema Corte cambia orientamento: invalido il contratto bancario e finanziario firmato dal solo cliente
La Suprema Corte torna sulla questione della validità dei contratti c.d. monofirma, ossia della copia del contratti bancari e finanziari conservati negli archivi della banca recanti la sola sottoscrizione del cliente e privi invece della firma dell’istituto di credito, affermando che detti contratti sono nulli e, come tali, inopponibili al correntista.

Acquisto di quote di s.n.c.: l’errore sul valore della partecipazione può essere fondatamente dedotto come errore essenziale?
Il Tribunale di Milano ha affermato che di regola – anche con riferimento alle compravendite di quote di s.n.c. – l’accoglimento della domanda di annullamento del contratto per errore essenziale non può prescindere dall’esistenza nel contratto di una esplicita garanzia circa il valore del patrimonio e la qualità dei beni della società (garanzia che nella concreta fattispecie, a giudizio del Tribunale, mancava). 

Le nuova disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione (D.L. 168/2016, convertito dalla L. 197/2016)
Con un nuovo intervento di fine estate, il legislatore è intervenuto ancora una volta in via d’urgenza sulla disciplina del codice di procedura civile, in particolare sulla disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione: il 31 agosto 2016 è stato infatti pubblicato il decreto legge 168/2016, recante “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari” (“D.L. 168/2016”).

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulla qualificazione e l’impugnazione del lodo non definitivo e del lodo parziale
Lodo che decide parzialmente il merito della controversia, immediatamente impugnabile a norma dell’art. 827 c.p.c., comma 3, è sia quello di condanna generica ex art. 278 c.p.c. sia quello che decide una o alcune delle domande proposte senza definire l’intero giudizio, non essendo immediatamente impugnabili i lodi che decidono questioni pregiudiziali o preliminari.

Log in with your credentials

Forgot your details?