Diritto Bancario & Finanziario

At your disposal day and night, and works in a very strategic way. Quick, efficient and always available.
Chambers Europe
Nctm Studio Legale Associato advised a pool of banks, headed by Intesa Sanpaolo, on a financing for Farmafactoring, and acted for Blu Solar Uno on an acquisition and project financing
Legal 500
Nctm Studio Legale Associato is praised for its business acumen and industry knowledge
Legal 500
This firm handles a steady stream of quality transactions on a wide range of banking and finance matters…A very prepared and personable team
Chambers Europe

Finanziamenti
L’esperienza maturata e la varietà delle operazioni a cui i professionisti di questa practice hanno partecipato garantiscono un´assistenza e una consulenza completa nella strutturazione e attuazione di operazioni sia domestiche che internazionali, spesso innovative e complesse, unendo una conoscenza profonda del mercato italiano a una spiccata propensione internazionale.

L´attività del team di Diritto Bancario e Finanziario di Nctm in questo settore comprende:

  • finanziamenti destinati ad acquisizioni di società e imprese mediante ricorso all’indebitamento;
  • finanziamenti destinati a investimenti in proprietà immobiliari e in operazioni di sviluppo immobiliare;
  • finanziamenti all´esportazione;
  • prestiti sindacati e corporate finance in generale;
  • finanziamenti navali ed aeronautici;
  • lettere di garanzia e di credito;
  • contratti di locazione finanziaria, operativa e factoring;
  • credito al consumo;
  • emissione di strumenti finanziari derivati.


Finanza Strutturata e Cartolarizzazioni
Nctm presta consulenza a banche, fondi, intermediari finanziari, banche d’affari ed altri soggetti emittenti nel settore della finanza strutturata, con particolare riferimento a:

  • operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto mutui fondiari ed ipotecari residenziali e commerciali, CDO (collateralized debt obligations), CLO (collateralized loan obligations), CLN (credit-linked notes), crediti sanitari e del settore pubblico in generale, crediti derivanti dall’utilizzo di carte di credito, crediti da leasing, factoring e credito al consumo;
  • ristrutturazioni di cartolarizzazioni;
  • operazioni di repackaging;
  • covered bonds.


Project Finance
Nctm ha maturato una significativa competenza in materia di finanza di progetto anche nel settore del partenariato pubblico-privato (PPP), avendo assistito finanziatori e sponsors in diversi ed importanti progetti nei settori dell’energia, dello smaltimento dei rifiuti, delle telecomunicazioni, delle infrastrutture e dei trasporti, curando tutte le fasi e gli aspetti delle relative operazioni, ivi incluse:

  • la costituzione di joint ventures e di raggruppamenti temporanei di imprese, costituzione e strutturazione di società veicolo e negoziazione dei relativi accordi parasociali;
  • la partecipazione e gestione di gare di appalto pubbliche, negoziazioni di contratti e concessioni, gestione del procedimento nella fase successiva alla gara;
  • la redazione di contratti di EPC, di O&M e di fornitura;
  • la predisposizione dei contratti di finanziamento e del relativo security package.
  • Rassegna Stampa
  • Comunicati Stampa
  • Newsletter
19/04/2017
IFN - Islamic Finance News

Islamic finance has always elaborated innovative solutions to be inserted in a context created for conventional finance, proposing contracts and structures that have an alternative remuneration of capital with respect to the use of interest.

Encompassed among those solutions are the participating instruments, which are characterized by the fact that the invested capital assumes the form of joint participation to profits and losses (PLS instruments), which derive from the entrepreneurial or financial activity underlying the financing transaction.

In the light of the aforementioned aspect, Nctm, with the aim of spreading Shariah compliant debt instruments for the first time on a large scale in the Italian market, started cooperating in 2016 with Shariah Review Bureau in order to structure Italian Islamic minibonds based on so-called Italian law profit participating minibonds, which are characterized by remuneration related also to the profits generated by the issuer.

Contrary to what was initially believed, the profit-participating minibonds have not been considered per se compliant with Islamic finance principles due to the mandatory presence of an interest rate, even though low, and the fact that the  return, even though on a participating basis, derives from a financial instrument giving certainty of the reimbursement of the capital.

Therefore, one has to work on other instruments provided by the Italian legal framework that could replicate the structure of the profit-participating minibonds, or a debt instrument with a participating return compliant with Shariah principles.

Such a result, and the related certification, has been achieved by using a scheme that links an association in participation agreement with a zero coupon bond. In particular, assuming a total investment of a given size in the instrument, a large part of it would be used to subscribe at par a bond that has as such no return, and the remaining residual amount would be contributed into the issuer’s business on the basis of an association in participation agreement, with the determination of a percentage of participation to the profits that is related to the whole invested amount.

From the perspective of the bondholder, therefore, there is no repayment risk of the principal in the bond (except in the case of a default), while there is a risk that the amount invested in the association in participation agreement could be eroded by the losses of the issuer and not repaid. However, such a risk would be remunerated with a return related to the overall investment. From the perspective of the issuer, the advantage is represented by the fact that the instrument is at a variable cost which has to be paid only in case of, and in proportion to, profits.

To conclude, this is a product that

  • is the first Italian product certified Shariah compliant,
  • is shaped in line with the profit-participating minibonds, but represents an evolution of them in the sense of a full ‘participation’ to the profits, with a limited participation to the losses and
  • is targeted at professional investors (such as debt funds) or that could be used to finance a specific project.

Stefano Padovani 

Articolo tratto da IFN Islamic Finance News

22/03/2017
IFN - Islamic Finance News

The first question which comes to mind when speaking about a possible Italian sovereign Sukuk issuance is: why? Why should Italy consider such a venture? The obvious first answer is: because it needs alternative financing instruments and cross-border investments to finance its growth, and in particular infrastructure and investment projects. This is quite clear if, on the one hand, one considers that to adhere to the strict rules of the EU fiscal policy, Italy cannot increase its level of indebtedness which is in the range of 130% of GDP (on the contrary it should heavily reduce it), and, on the other hand, one compares the average GDP growth in EU countries during the period 2005-15. From this comparison, it is clear that while there has been an average growth of 0.9% across the EU, Italy recorded minus 0.5%, which is the worst performance among the 28 member states after Greece.

In fact, Italy has remained trapped between the abundant liquidity which has flooded the financial markets through the quantitative easing monetary policy of the ECB, which, in keeping with the interest rate law, has indeed supported the borrowings of the country and the value of its bonds, on the one hand, and the rigidity of the EU fiscal policy on the other hand which has limited the ability of the Italian state to support the recovery of the economy by sustaining internal demand with public spending.

Looking for funds abroad, Italy should consider in particular the Islamic economies to attract capital where there is almost a perfect match between market sectors where Italy can claim absolute excellence and those where the expenditure of the Muslim population is concentrated and is growing: food and beverage, fashion, tourism, real estate, media, recreational and cultural activities, pharmaceuticals and cosmetics, etc.

It goes without saying that in order to achieve that goal, Italy would be better off developing an Islamic finance- friendly environment. In doing this, however, it does not need to start from scratch as the Italian legal framework already includes a few instruments which could be used to develop an Islamic finance industry in this country. These are particular instruments which are between debt and equity, like profit-participating bonds, based on a profit and loss-sharing mechanism; and financial participative instruments (‘strumenti finanziari partecipativi’) in particular those having an equity nature.

Another contract which comes to mind is the association in a participation agreement (‘associazione in partecipazione’) which is very similar in nature to the old Arabic Qirad contract (or Mudarabah), where the ‘associate’ is financing the business of the ‘associating party’ in exchange for a participation in the profits (and the losses).

Furthermore, there are pure equity instruments, which can be issued according to the principle of Article 2348, second paragraph, of the Italian Civil Code (“the company, within the limits set forth by the law, can freely determine the content of the various categories of shares”) such as tracking shares (azioni correlate), shares without or with limited voting rights (according to Article 2351, second paragraph of the Italian Civil Code) or a different profit- loss participation mechanism, such as preferred ranking in respect of ordinary shares should the company bear losses, which could be used to accommodate Islamic investors in the capital of companies without interfering with the management of the same and the desire of business owners to retain their full control.

Moving to real estate investments, which is the preferred choice of Islamic investors, consideration could be given to real estate funds which, depending on the nature of the activities carried out in the underlying assets and on other factors, could be certified as Shariah compliant and similarly to SIIQs (Italian REITs) and other asset management vehicles like SICAF, an alternative investment fund set up in the form of a joint stock company and raises funds through the issuance of shares or financial participative instruments.

Having said that, the question remains: why is Islamic finance not taking off in Italy? The first answer might be that there is still no level-playing field. In particular, no intervention has been made to adapt the Italian tax framework to avoid double taxation and other tax leakages for Islamic finance transactions as opposed to conventional ones.

But taxation is only one of the factors to be considered when developing an ecosystem required to build confidence in the relevant players. Indeed, Italy is not perceived as the first stop when it comes to Shariah compliant investment in Europe.

In order to change this perception a few things could be done. A first intervention would involve tax legislation, aimed at implementing the aforementioned level-playing field, removing, by way of example, double taxation otherwise applicable to contractual structures typical of Islamic finance that are based on the purchase and subsequent resale by the lender of specific assets, such as a real property, as well as uncertainty regarding the taxation of income from securities in respect to that applied to periodical income deriving from conventional bonds.

A second action could be to promote the establishment of an Islamic bank, which could fund itself among Islamic investors from Muslim countries, providing Shariah compliant financing products to Italian corporates and, probably at a later stage, to the general public. But the real intervention that would represent for Italy a sign of opening toward the capital markets of Islamic countries – in particular Gulf countries – and would significantly favor the development of Islamic finance in Italy, would be a benchmark issuance of Sukuk by the country.

Indeed, after the UK Sukuk and the Luxembourg issues which came to market in 2014, it has recently been announced that another European country, Germany, could tap the Sukuk market with a sovereign issuance of US$1 billion and a five-year maturity, although this has not yet been confirmed.

Italy could easily follow this path with a sovereign issuance with the objective of raising alternative sources of funding for its infrastructure projects and to set a precedent that demonstrates to the corporate sector that a proven platform, as well as infrastructure, is in place so that Sukuk can be issued comparably to conventional bonds, thereby paving the way for Sukuk to become an instrument of choice for Italian SMEs raising corporate finance.

The next question is whether the Italian legal and tax system is sufficiently equipped for the issuance of Sukuk without the need for further intervention. According to the well-known n.17 AAOIFI definition, Sukuk are “certificates of equal value, representing undivided shares in the ownership of tangible assets, usufructs and services or (in the ownership of) the assets of particular projects or special investment activity”. As we have seen previously, Italy has a set of instruments which in principle could be used to accommodate Shariah compliant contracts and techniques. However, none of these appears to match, at first sight, with this definition. In any case, it would appear prudent, Italy being a civil law country, to provide for an ad hoc legislative framework, as Luxembourg did with its sovereign issue in 2014.

We have therefore tried to formulate in the following, at the level of principles and not in detail, a law proposal based on what has been done in the past with regards to the securitization of public real estate:

  1. The Ministry of Economy and Finance is empowered to set up, even by a unilateral act, a joint stock company with corporate capital of EUR1 million (US$1.07 million), having as its exclusive object the securitization of the profits derived from the divestiture of real estate belonging to the state and other non- local public bodies currently used by the public administration, which will be identified by the State Property Office by its own directorial decrees, and having a value equal to EUR1 billion (US$1.07 billion).
  2. The Ministry of Economy and Finance, upon incorporation, shall adopt the by-laws, appoint the first members of the managing and controlling bodies and determine their remuneration.
  3. The company, incorporated pursuant to paragraph 2, shall implement the securitization through the issue of securities of equal value in the form of Sukuk, representing undivided shares in the ownership of the purchased real estate, entering them in the liabilities side of its balance sheet, for a value equal to EUR1billion.
  4. Securities so issued may benefit, in whole or in part, from the guarantee of the state.
  5. Real estate identified pursuant to paragraph 1 will be transferred to the company for valuable consideration by means of public deed or private deed certified by a notary, and leased to the transferees at market conditions.
  6. Real estate transferred to the company represents, for all purposes, assets segregated from the company’s assets and cannot be subject to actions other than by the holders of the securities issued to finance the purchase of such real estate.
  7. Liability for obligations to security holders will be borne exclusively by the segregated assets.
  8. After five years from the issue of the securities, the company shall transfer the ownership of the real estate purchased to the transferor’s public administration at the price of EUR1 billion and use the selling price to repay the securities issued.
  9. The Ministry of Economy and Finance, by one or more non- regulatory decrees and to be published in the Official Gazette, will establish the terms and conditionsof the securities issued by the securitization company, the market conditions on which the real estate being transferred will be leased by the securitization company to the public administration transferring the same, as well as the terms and conditions of the guarantee of the state under paragraph 4.The Ministry of Economy and Finance will report to the parliament on the implementation of the securitization transaction within three months from the date of incorporation of the company under paragraph 1.
  10. Income from securities will be subject to the same tax treatment applied to periodical income normally derived from conventional bonds.
  11. Costs periodically incurred to pay income from securities will be tax- deductible for the issuing company.
  12. Taxes on the transfers of real estate to and from the securitization company will be halved in order to take into account the synallagmatic nature of the purchase and resale of the same.
27/04/2017

Nctm Studio Legale ha assistito un pool di banche, composto da Banca Popolare di Bari S.c.p.A., in qualità di banca Agente, Banca Popolare di Milano S.p.A. e Banca di Puglia e Basilicata S.c.p.A., nel finanziamento in regime di project financing, a Dynamica S.r.l. , controllata di PLT energia S.p.A., società quotata all’AIM.

L’operazione del valore complessivo di circa 40 milioni di euro, permetterà la realizzazione di un impianto eolico dalla potenza complessiva di 22,55 MW, sito nel Comune di Simeri Crichi (CZ).

Nctm Studio Legale ha assistito il pool di banche con un team guidato da Eugenio Siragusa.

26/04/2017

Nctm Studio Legale e Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners hanno assistito rispettivamente MPS Capital Services Banca per le imprese, in qualità di banca arranger, e la società veicolo e gli sponsor, nell’operazione in regime di project financing per il finanziamento del parco eolico di 10 MW di Marche Energie Rinnovabili (gruppo Fortore) sito nel Comune di Apecchio, Regione Marche.

Il team di Nctm Studio Legale è stato guidato da Eugenio Siragusa, mentre il team di Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners è stato guidato da Giovanni Santangelo coadiuvato da Flavia Bertini.

20/04/2017

Lo studio legale Dentons, ha assistito un pool di banche composto da Banca Popolare di Milano S.p.A., Banco BPM S.p.A., Iccrea BancaImpresa S.p.A. e Banca di Udine credito cooperativo nell’operazione di finanziamento alla società Mar-ter Spedizioni S.p.A, assistita da Nctm Studio Legale.

Dentons ha agito con un team composto dal partner Alessandro Fosco Fagotto, e da Tommaso Roberto Maria Zanirato e Rosalba Pizzicato. Nctm ha seguito l’operazione con un team guidato, per il lato finance, dal salary partner Giorgio Telarico, coadiuvato da Martina Marmo e Lucia Vittoria Lonoce e, per l’acquisizione, con un team guidato dal salary partner  Miranda Cellentani coadiuvata da Clitie Potenza.

Il finanziamento a favore di Mar-Ter Spedizioni S.p.A. per cassa a medio-lungo termine, è destinato, in parte, a riqualificare la posizione finanziaria del Gruppo Mar-Ter e, in parte, a sostenere le esigenze finanziarie connesse all’acquisizione del 100% del capitale sociale di Res Immobiliare S.p.A.

Mar-ter Spedizioni S.p.A. gruppo leader nella logistica portuale con presenza in Europa, Americhe, Medio Oriente e Nord Africa, controllata al 76% da Mid Industry Capital, attiva nei porti di Livorno e Monfalcone, in grado di effettuare tutti i servizi portuali, gestione merci, import, export, trasporti su gomma e rotaie.

 

Cause di ineleggibilità e decadenza del sindaco professionista in uno studio associato
Ai sensi dell’art. 2399, lett. c), c.c. è ineleggibile, e se eletto decade dall’ufficio, il sindaco che intrattiene con la società o sue controllate rapporti di natura patrimoniale che ne compromettano l’indipendenza. Ci si interroga se il caso in cui il sindaco sia parte di uno studio associato che presta attività di consulenza alla medesima società integri l’ipotesi prevista dalla legge. Sebbene il quesito sia risolto tendenzialmente in senso affermativo, permangono tuttavia dubbi circa i criteri adottati dalla Corte di Cassazione al fine di determinare i casi in cui, concretamente, l’indipendenza del sindaco possa dirsi compromessa.

La portata della delega gestoria nelle s.r.l.: contenuto e limiti
La Suprema Corte, con sentenza n. 25085 del 7 dicembre 2016, ha riconosciuto la legittimità di una delega di gestione di carattere generale, da parte del consiglio di amministrazione a favore di singoli consiglieri delegati con esercizio disgiunto dei poteri, nella misura in cui la stessa non sia diretta ad escludere l’esercizio di un concorrente potere di gestione da parte dell’organo collegiale amministrativo.

Trattamento di dati per finalità di marketing: la tutela delle persone giuridiche
Il Garante per la Protezione dei Dati Personali, con provvedimento n. 4 del 12 gennaio 2017, ha precisato la disciplina relativa al trattamento di dati personali per finalità di marketing, dichiarando illegittimo sia  il trattamento di dati raccolti per il tramite di moduli presenti all’interno dei siti internet delle società sia il trattamento di dati (i.e. le utenze telefoniche) autonomamente reperiti sul web.

La responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. n. 231/2001 all’interno dei gruppi di imprese
È ammissibile una responsabilità, ai sensi del d.lgs. n. 231 del 2001, della società capogruppo per reati commessi nell’ambito delle attività svolte dalle società da essa controllate a condizione che a) il soggetto che agisce per conto della holding concorra con il soggetto che commette il reato per  conto  della persona giuridica controllata; e che b) possa ritenersi che la holding abbia ricevuto un concreto vantaggio o perseguito un effettivo interesse a mezzo del reato commesso nell’ambito dell’attività svolta dalla società controllata.

Considerazioni in merito alla rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere
La sentenza della Corte di Cassazione, sez. II, n. 4205 del 3 marzo 2016 offre l’opportunità per dare brevemente conto delle diverse posizioni di giurisprudenza e dottrina in materia di rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere.

La responsabilità degli amministratori non operativi e il dovere di agire in modo informato
La responsabilità degli amministratori privi di deleghe operative, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione Civile, Sez. I, 31 agosto 2016, n. 17441 in commento, non può discendere da una generica condotta di omessa vigilanza – tale da essere identificata nei fatti come una responsabilità oggettiva – ma deve essere ricondotta alla violazione del dovere di agire informati, sia sulla base delle informazioni che devono essere rilasciate da parte degli amministratori operativi, sia sulla base delle informazioni che gli amministratori non operativi possono acquisire di propria iniziativa. L’individuazione dei presupposti della responsabilità degli amministratori deleganti si inquadra, pertanto, in un discorso che valorizza la differenziazione dei doveri imposti agli amministratori delegati e quelli tipici degli amministratori non esecutivi.

 

Patti parasociali di rinuncia preventiva all’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori
Con sentenza 28 settembre 2015, n. 19193, la sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale di Roma, nell’affrontare il tema della rinuncia pattizia all’azione di responsabilità verso gli amministratori di una società, ha affermato la validità delle clausole dei patti parasociali, con le quali i soci “entranti” si impegnano a non esercitare l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori “uscenti” o comunque a non votare favorevolmente in assemblea.

La Suprema Corte cambia orientamento: invalido il contratto bancario e finanziario firmato dal solo cliente
La Suprema Corte torna sulla questione della validità dei contratti c.d. monofirma, ossia della copia del contratti bancari e finanziari conservati negli archivi della banca recanti la sola sottoscrizione del cliente e privi invece della firma dell’istituto di credito, affermando che detti contratti sono nulli e, come tali, inopponibili al correntista.

Acquisto di quote di s.n.c.: l’errore sul valore della partecipazione può essere fondatamente dedotto come errore essenziale?
Il Tribunale di Milano ha affermato che di regola – anche con riferimento alle compravendite di quote di s.n.c. – l’accoglimento della domanda di annullamento del contratto per errore essenziale non può prescindere dall’esistenza nel contratto di una esplicita garanzia circa il valore del patrimonio e la qualità dei beni della società (garanzia che nella concreta fattispecie, a giudizio del Tribunale, mancava). 

Le nuova disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione (D.L. 168/2016, convertito dalla L. 197/2016)
Con un nuovo intervento di fine estate, il legislatore è intervenuto ancora una volta in via d’urgenza sulla disciplina del codice di procedura civile, in particolare sulla disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione: il 31 agosto 2016 è stato infatti pubblicato il decreto legge 168/2016, recante “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari” (“D.L. 168/2016”).

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulla qualificazione e l’impugnazione del lodo non definitivo e del lodo parziale
Lodo che decide parzialmente il merito della controversia, immediatamente impugnabile a norma dell’art. 827 c.p.c., comma 3, è sia quello di condanna generica ex art. 278 c.p.c. sia quello che decide una o alcune delle domande proposte senza definire l’intero giudizio, non essendo immediatamente impugnabili i lodi che decidono questioni pregiudiziali o preliminari.

Europe Must Go On 

The 60th anniversary of the Treaty of Rome sees the EU much changed from its early origins. We have moved from an economic community to a Union based on civil and human rights and the values common to the peoples of Europe. It has been, and is, a great success.

However it is clear that the Union is not without its troubles on this important anniversary. The Brexit negotiations are about to start. There are nationalist and decentralizing tendencies in many Member States and important elections in Germany and France. There are real problems of immigration and the absence of, or the uneven distribution of, economic growth.

These problems should not daunt us. Our fathers in the integration process faced greater problems. They sought to make peace and to make an institution to guarantee peace from the ashes of the most destructive of European wars.

What we must do is face up to our problems and resolve them. We have great shoulders to stand on. We have been given the evolving EU treaties, the Single Market, a strong Court of Justice in Luxembourg, good competition law, the rights of citizens, in other words a strong legal framework.

This is no time for faintheartedness. We must move on with courage and ensure that the Union is with us for more than another 60 years.

 

In questo numero, analizziamo una pronuncia del Consiglio di Stato secondo la quale non sarebbe necessaria la pubblicazione sulla Gazzetta UE dell’istanza di proroga di una concessione portuale. I terzi eventualmente interessati a presentare offerte concorrenti sarebbero garantiti, infatti, dalla possibilità di potersi preventivamente informare circa la scadenza della concessione e dalla istruttoria della Autorità Portuale (oggi Autorità di Sistema Portuale), che dovrà rispettare il principio dell’affidamento al soggetto che offre le «maggiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione».

Approfondiamo poi le differenze nel diritto italiano tra un contratto di trasporto e un contratto di appalto avente ad oggetto l’esecuzione di trasporti. È importante qualificare correttamente il tipo di rapporto e qui spieghiamo il perché.

Passiamo, poi, ad esaminare due recenti sentenze dei Tribunali Amministrativi Regionali. La prima decisione riguarda le possibili modalità di assentimento delle concessioni demaniali marittime. La seconda statuisce l’applicabilità del Codice dei Contratti Pubblici anche alla gestione degli interporti con le inevitabili conseguenze che brevemente ricordiamo.

Alla luce della prossima entrata in vigore della Convenzione IMO per il controllo e la gestione delle acque di zavorra, esaminiamo le prevedibili ripercussioni per il settore armatoriale. Uno dei problemi più rilevanti consiste nel fatto che, ad oggi, mancano chiare indicazioni di come rendere le navi compliant rispetto alla nuova normativa. Vi sono, poi, Stati che hanno normative più stringenti rispetto alla Convenzione IMO. Il rischio è quindi quello di investire in apparecchiature che potrebbero non essere ritenute idonee.

Una recente sentenza della Corte di Cassazione ci consente di fare un breve punto sul tema del mancato pagamento di un premio assicurativo e la conseguente sospensione della garanzia. La Suprema Corte, in particolare, afferma la sussistenza della copertura assicurativa qualora il sinistro si verifichi entro il «periodo di tolleranza», a prescindere dal pagamento della successiva rata di premio.

In materia aeroportuale, la Suprema Corte ha aperto le porte alla possibile configurazione di nuovi profili di responsabilità in capo all’ENAC, l’ente che sovraintende alla attività aereoportuale e della navigazione aerea in Italia, nel caso di inadeguata manutenzione della pista che abbia creato danno ad un aeromobile.

Infine, concludiamo con la consueta rassegna delle notizie dal mondo del lavoro marittimo e portuale. La notizia di maggior rilievo è il rinnovo, in Italia, del contratto collettivo nazionale dei dirigenti delle Agenzie Maritime, che ha portato un miglioramento della situazione corrente.

Ringraziamo i nostri colleghi dell’ufficio di Bruxelles per il loro consueto aggiornamento sulle azioni più significative delle istituzioni dell’UE adottate in materia di trasporti e di commercio intenzionale.

Troverete, infine, un primo elenco dei prossimi eventi previsti nelle nostre sedi di Milano e di Roma, oltre al consueto update sulle attività dello Studio nel bimestre passato.

Per la Cassazione non è fattibile il concordato se il piano non specifica le modalità di attuazione
La Corte di Cassazione (n. 4915 del 27 febbraio 2017) ha ribadito che il Tribunale può sindacare la «causa concreta» del concordato preventivo, interpretando in senso estensivo il criterio della assoluta, manifesta inettitudine del piano del debitore a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Spettano ai creditori tutte le risorse generate dalla prosecuzione dell’attività nel concordato con continuità aziendale ?

Il Tribunale di Firenze (2 novembre 2016) ha confermato che il debitore può conservare parte dell’attivo, in un’ottica di favore verso il risanamento dell’impresa ed in deroga ai principi della responsabilità patrimoniale.

Cram down ex art. 182-septies l.fall. se l’accordo è conveniente per la banca rispetto al fallimento

 La recente decisione del Tribunale di Padova (31 dicembre 2016) viene messa a raffronto con i pochi precedenti editi in tema di estensione degli effetti degli accordi di ristrutturazione dei debiti a creditori finanziari non aderenti.

Log in with your credentials

Forgot your details?