Articoli
27/04/2016
Restructuring & Turnaround

No alla revoca automatica del concordato se il debitore paga crediti anteriori senza autorizzazione

La Cassazione stabilisce con la sentenza 19 febbraio 2016, n. 3324 che i pagamenti non autorizzati possono comportare la revoca ex art. 173 l.fall. dell’ammissione al concordato preventivo solo se si risolvono in effettivo pregiudizio per i creditori.

Il caso
Una società in concordato preventivo eseguiva, in corso di procedura, vari pagamenti relativi a crediti anteriori alla domanda di ammissione al concordato. Il Tribunale di Messina, con provvedimento poi confermato dalla Corte d’Appello, revocava il concordato preventivo e dichiarava il fallimento. Avverso il provvedimento della Corte d’Appello di Messina è stato promosso ricorso in Cassazione.

La questione
La questione sottoposta alla Corte di Cassazione attiene alla revocabilità del concordato ex art. 173 l.   fall. nell’ipotesi in cui il debitore abbia compiuto, in corso di procedura, pagamenti non autorizzati dal tribunale ai sensi dell’art. 182-­‐quinquies   l.fall.
In assenza di una disposizione che specificamente disponga questa conseguenza (come invece l’art. 161, ottavo comma, in caso di inadempimento degli obblighi informativi, ovvero dall’art. 163, terzo comma,   in caso di mancato deposito delle spese della procedura) il tema riguarda la possibile intepretazione estensiva dell’art. 173, terzo comma, l.fall. là dove dispone per il caso di compimento di atti eccedenti l’ordinaria amministrazione senza l’autorizzazione del giudice delegato di cui all’art. 167 l.fall.

La decisione della Corte
La Corte di Cassazione ha ricondotto i pagamenti di crediti anteriori alla domanda di concordato agli atti eccedenti l’ordinaria amministrazione, stabilendo tuttavia che ciò comporta la revoca del concordato solo nell’ipotesi in cui, nel caso specifico, siano qualificabili anche come atti di frode alle ragioni dei creditori. La tesi, secondo i giudici di legittimità, è più aderente all’attuale disciplina del concordato preventivo, alla luce del favor del legislatore per le soluzioni negoziali della crisi d’impresa.

La decisione del Suprema Corte si fonda su tre distinti argomenti:

  • se al giudice non compete accertare né la fattibilità economica del piano né la sua meritevolezza, non si comprende perché il pagamento compiuto in difetto di autorizzazione dovrebbe comportare    la revoca del concordato, indipendetemente dall’accertamento del suo disvalore oggettivo e del suo carettere fraudolento;
  • l’esercizio dell’attività d’impresa non è più soggetto alla direzione del giudice delegato e ciò fa presumere che il potere di autorizzazione riguardi atti che, per la loro rilevanza, potrebbero incidere negativamente sul patrimonio del debitore o essere incompatibili con la realizzazione del piano;
  • il criterio della “migliore soddisfazione dei creditori” cui fanno riferimento gli artt. 182-­‐quinquies e 186-­‐bis fall. ha acquisito valenza di principio generale per valutare la legittimità degli atti compiuti dal debitore ammesso alla procedura, con la conseguenza che  il  pregiudizio  che  un  pagamento  di  crediti concorsuali può arrecare non è  desumibile  dalla  violazione  della  par  condicio:  secondo  la  Corte, infatti, non si può escludere che il pagamento si risolva in un accrescimento, anziché in una diminuzione, della garanzia patrimoniale  offerta  ai  creditori  (come  accade  per  il  pagamento  dei  crediti di lavoro, che impedisce che sul capitale maturino interessi e rivalutazione).

Commento
L’interpretazione offerta dalla Cassazione consente di dare rilievo dal punto di vista oggettivo ai pagamenti quali “atti non autorizzati a norma dell’art. 167 l.fall.” ma solo in quanto riconducibili ad unafinalità tesa a “frodare le ragioni dei creditori” così come previsto dall’art. 173 l.fall.: finalità peraltro non necessariamente intesa in senso soggettivo, potendo assumere rilievo ostativo della revoca l’utilità economica in concreto dei pagamenti per le ragioni dei creditori.
La Corte ha affermato un principio condivisibile, che cerca di attenuare la conseguenza dell’automatica revoca dell’ammissione al concordato, prevalente nella giurisprudenza di merito (cfr. Trib. Modena 13 luglio 2015; Trib. Venezia 18 settembre 2014; Trib. Lecco 3 gennaio 2014; Trib. Ancona 4 dicembre 2013;
Trib. Firenze 14 novembre 2013; Trib. Pesaro 26 luglio 2013; contra Trib. Rovigo 26 maggio 2015 in ragione dell’esiguità degli importi e App. Venezia 30 gennaio 2014 in considerazione del miglior soddisfacimento dei creditori, in linea con l’odierna decisione della Cassazione), offrendo una interpretazione evolutiva centrata sul principio del “miglior soddisfacimento dei creditori” con un’argomentazione suscettibile di orientare l’interprete verso una maggiore flessibilità applicativa anche in una prospettiva più generale.

È da apprezzare l’orientamento della Suprema Corte che mira ad evitare che un concordato preventivo possa essere revocato a causa di pagamenti di esigua entità, magari effettuati per semplice inconsapevolezza, così come opportuno è avere escluso un’interpretazione antitetica, che neghi sempre la possibilità di revoca.

 

 

Il contenuto di questo articolo ha valore solo informativo e non costituisce un parere professionale. Per ulteriori informazioni contattare Fabio Marelli, fabio.marelli@nctm.it

Per ricevere la nostra newsletter restructuring scrivete a: restructuring@nctm.it

 

Log in with your credentials

Forgot your details?