Energia

Experienced in financial and regulatory aspects of the energy sector with a tradition of representing sponsors. Specialises in project financing and leasing.
Chambers Europe
Nctm Studio Legale Associato fields a full-service energy group, but with the distinction that nearly all its lawyers have strong litigation and public law backgrounds.
Legal 500

Il mercato dell’energia è in continua evoluzione. Nctm ha maturato una significativa conoscenza ed esperienza nel settore dell’energia, con l’obiettivo di fornire un’assistenza di alto livello di specializzazione e con approccio integrato, in un mercato in forte sviluppo, prestando consulenza ai maggiori operatori del settore.

Nctm si è inoltre contraddistinto nel settore dell’energia da fonti rinnovabili, sia per il numero che per la rilevanza delle operazioni seguite.

La nostra expertise nel settore dell’energia comprende, tra l’altro, le seguenti attività:

  • redazione e negoziazione di contratti di tolling;
  • contratti di copertura del rischio finanziario legato alla compravendita di energia elettrica su base spot;
  • contratti EPC;
  • contratti O&M;
  • contratti di Management Services;
  • contratti EFET, ISDA, FIDIC;
  • negoziazione di accordi bilaterali o multilaterali di fornitura di gas ed altri combustibili;
  • acquisizione di società che operano nel settore energetico;
  • accordi di sviluppo, accordi quadro, joint venture agreements;
  • contratti per la vendita di energia e di certificati verdi;
  • due diligence legali riguardanti le autorizzazioni, i permessi, ed i nulla-osta  relativi a progetti di impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile e tradizionale;
  • consulenza e assistenza volte ad ottimizzare l’efficienza fiscale  dei progetti;
  • contratti di finanziamento in project financing e leasing.
  • Comunicati Stampa
  • Articoli
  • Newsletter
27/04/2017

Nctm Studio Legale ha assistito un pool di banche, composto da Banca Popolare di Bari S.c.p.A., in qualità di banca Agente, Banca Popolare di Milano S.p.A. e Banca di Puglia e Basilicata S.c.p.A., nel finanziamento in regime di project financing, a Dynamica S.r.l. , controllata di PLT energia S.p.A., società quotata all’AIM.

L’operazione del valore complessivo di circa 40 milioni di euro, permetterà la realizzazione di un impianto eolico dalla potenza complessiva di 22,55 MW, sito nel Comune di Simeri Crichi (CZ).

Nctm Studio Legale ha assistito il pool di banche con un team guidato da Eugenio Siragusa.

26/04/2017

Nctm Studio Legale e Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners hanno assistito rispettivamente MPS Capital Services Banca per le imprese, in qualità di banca arranger, e la società veicolo e gli sponsor, nell’operazione in regime di project financing per il finanziamento del parco eolico di 10 MW di Marche Energie Rinnovabili (gruppo Fortore) sito nel Comune di Apecchio, Regione Marche.

Il team di Nctm Studio Legale è stato guidato da Eugenio Siragusa, mentre il team di Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners è stato guidato da Giovanni Santangelo coadiuvato da Flavia Bertini.

30/01/2017

Solvay Participations Belgique S.A., parte del gruppo belga Solvay, pluri specializzato nel settore chimico, Marubeni Europe plc (“Marubeni”), parte di Marubeni Corporation, general trading company giapponese attiva in tutto il mondo e in settori diversificati, tra cui quello chimico e energetico, e Ansaldo Energia S.p.A. (“Ansaldo”), azienda italiana leader nella progettazione, realizzazione e installazione di impianti termici e impianti in ciclo combinato o aperti per la generazione di energia elettrica, hanno deciso di costituire una joint venture. Ansaldo Energia effettuerà un investimento di minoranza ricevendo azioni privilegiate.

L’accordo permetterà di realizzare un progetto di efficienza energetica a lungo termine basato sulla fornitura combinata di calore ed energia elettrica nell’impianto di Solvay di Rosignano. Inoltre, la joint venture acquisirà, manterrà e gestirà gli impianti già esistenti presso lo stabilimento Solvay di Rosignano.

Solvay e Marubeni sono state assistite da Herbert Smith Freehills, con un team guidato da Christopher Theris, e da Nctm Studio Legale con un team guidato da Matteo Trapani coadiuvato da Miranda Cellentani e Antonella Barbato. Ansaldo Energia è stata assistita da LMS Studio Legale con un team guidato da Francesco Serrano.

16/03/2017

The UK is nothing if not pragmatic. The pragmatism has sometime been referred to as perfidiousness: perfidious Albion. What is sure is that the UK will approach the divorce with the EU in a very pragmatic fashion. It will seek to develop bi-lateral relations with its direct trading partners. It will seek to revive the trade pre erences in the Commonwealth. It will seek independent influence in all international bodies.

10/01/2017

China is not willing to give up its independence and autonomy at the international level, but it wants to defend its achievements, especially the economic ones.

Nonetheless, China became aware of the seriousness and emergency of its numerous latent problems, starting a political, ethical, territorial “restoration” process in 2015, named “Chinese Dream”, in order to expose politicians in collusion with the polluters.

The adoption of the Environmental Protection Law of the People’s Republic of China, April 24, 2014 amended, which came into force in January 1, 2015, was able to respond to the above-mentioned requirements.

The period from 2000 to 2015 is considered an unprecedented and remarkable historical moment in the ideological and political evolution towards the rule of law of the People’s Republic of China. A new paragraph was added to Article 5 of the amended Constitution, adopted during the Second Session of the Ninth National People’s Congress and promulgated on March 15, 1999, which provides the following: “The People’s Republic of China governs the country according to law and makes it a socialist country under rule of law.”

Since 2000, giving continuity to the legislative efforts to regulate the protection of the environment and resources was a priority; in October 2003, the Third Plenary Session of the 16th Central Committee of the Communist Party promoted a new approach to development called the “Scientific outlook on development” (科学发展观 Kexue fazhan guan) intended as: “[…] a complete development that supports human life and looks at a comprehensive and coordinated sustainable development, promote the overall development of the economy, individual and society.”

The Eleventh Five-Year Plan (2006-2010) approved by the National People’s Congress for the first time replaced the term “plan” (计划 jihua) with “program” (规划 guihua) and introduced coercive parameters on environmental protection and parameters to save energy and natural resources.

The Five-Year Plan (now “Program”) also changed the slogan on economic development from “faster is better” (又快又好 you kuai you hao) in “better (is) faster” (又好 又快 you hao you kuai), transforming it from the original “model of economic growth” to the “economic development model”, which reflected the need for a new idea of “economic development” of the People’s Republic of China.

Specific regulations were separately adopted by the National People’s Republic of China Congress in the same years; in the Property Law of March 16, 2007, in force since October 1, 2007, contents related to the protection of natural resources are separately regulated (articles 46-69). Meanwhile, gaps in the implementation by government severely damaged the ecosystem.

However, the lack of attention of the authorities towards environment-related problems were reported. Their main responsibilities include: i) failure to fill the gaps in legislation required to compensate for the deficit created by practice; ii) the responsible officers of local governments and departments, in pursuing rapid growth parameters (GDP), were not only inefficient in their professional conduct, but even impede the enforcement of laws and regulations related to environment and exploitation of resources. Measures therefore need to be taken: the 17th National Congress of the Communist Party of China in 2007 officially proposed that China should build an “ecological civilization”, and in the same year the SEPA was transformed into the Ministry of Environmental Protection of the People’s Republic of China – MEP (中华 人民共和国环境保护部 Zhonghua Renmin Gongheguo Huanjing Baohu Bu).

At the regulatory level, the provisions of Article 124 of the General Principles of Civil Law were supplemented by the provisions of the Tort Law of 2009, whose Chapter VII, Articles 65-68, sets forth the “Liability for Environmental Pollution” (环境污染责任 Huanjing wuran zeren).

Specifically, Article 65 provides: «Where any harm is caused by environmental pollution, the polluter shall assume the tort liability.» The system thus constituted a first “objectification” environmental interest; among the other legislative references regarding the protection of the environment there is the Criminal Code, Articles 338 to 346, and further legislation.

Inspired by the former, the 18th National Congress of the Communist Party of China of 2012 took concrete measures for the dissemination of ecological research supplemented by economic, political, cultural and social objectives in the so-called “five in one” model (五位 一体 wu wei yiti) on which to base the (development of) socialist modernization.

The “five in one” model is actually a political document (developed by All China Federation of Trade Unit – ACFTU) that outlined 18 essential points to build socialist modernization with Chinese characteristics, which China intends to abide by.

According to experts, China has continuously revised all laws and regulations relating to environmental protection and to liability for environmental damage; for example, in The Amendment VIII to the Criminal Law approved by the National People’s Congress in April 2011 expressions such as “the crime of major environmental pollution accident” (重大环境污染事故罪 zhongda huanjing wuran shigu zui) have become “the crime of serious environmental pollution accident” (严重环境污染事故罪 yanzhong huanjing wuran shigu zui).

After the procedures for examination and approval had been conducted by the Standing Committee of the National People’s Congress, the legislative text concerned the subject of environmental protection, the Environmental Protection Law of the People’s Republic of China, April 24, 2014 amended, finally came into force in January 1, 2015.

The legislative process has proved difficult, even impact and results were controversial in nature, since China overtook the United States in 2006 as the world’s biggest CO2 polluter.

The current provisions have certainly collected all the information from many years of meetings, conferences, amendments and international debates at homeland and abroad to take all necessary and resolute counteroffensive measures against pollution, according to common sense and rationality principles and, obviously, not only against China itself.

 

Cause di ineleggibilità e decadenza del sindaco professionista in uno studio associato
Ai sensi dell’art. 2399, lett. c), c.c. è ineleggibile, e se eletto decade dall’ufficio, il sindaco che intrattiene con la società o sue controllate rapporti di natura patrimoniale che ne compromettano l’indipendenza. Ci si interroga se il caso in cui il sindaco sia parte di uno studio associato che presta attività di consulenza alla medesima società integri l’ipotesi prevista dalla legge. Sebbene il quesito sia risolto tendenzialmente in senso affermativo, permangono tuttavia dubbi circa i criteri adottati dalla Corte di Cassazione al fine di determinare i casi in cui, concretamente, l’indipendenza del sindaco possa dirsi compromessa.

La portata della delega gestoria nelle s.r.l.: contenuto e limiti
La Suprema Corte, con sentenza n. 25085 del 7 dicembre 2016, ha riconosciuto la legittimità di una delega di gestione di carattere generale, da parte del consiglio di amministrazione a favore di singoli consiglieri delegati con esercizio disgiunto dei poteri, nella misura in cui la stessa non sia diretta ad escludere l’esercizio di un concorrente potere di gestione da parte dell’organo collegiale amministrativo.

Trattamento di dati per finalità di marketing: la tutela delle persone giuridiche
Il Garante per la Protezione dei Dati Personali, con provvedimento n. 4 del 12 gennaio 2017, ha precisato la disciplina relativa al trattamento di dati personali per finalità di marketing, dichiarando illegittimo sia  il trattamento di dati raccolti per il tramite di moduli presenti all’interno dei siti internet delle società sia il trattamento di dati (i.e. le utenze telefoniche) autonomamente reperiti sul web.

La responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. n. 231/2001 all’interno dei gruppi di imprese
È ammissibile una responsabilità, ai sensi del d.lgs. n. 231 del 2001, della società capogruppo per reati commessi nell’ambito delle attività svolte dalle società da essa controllate a condizione che a) il soggetto che agisce per conto della holding concorra con il soggetto che commette il reato per  conto  della persona giuridica controllata; e che b) possa ritenersi che la holding abbia ricevuto un concreto vantaggio o perseguito un effettivo interesse a mezzo del reato commesso nell’ambito dell’attività svolta dalla società controllata.

Considerazioni in merito alla rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere
La sentenza della Corte di Cassazione, sez. II, n. 4205 del 3 marzo 2016 offre l’opportunità per dare brevemente conto delle diverse posizioni di giurisprudenza e dottrina in materia di rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere.

La responsabilità degli amministratori non operativi e il dovere di agire in modo informato
La responsabilità degli amministratori privi di deleghe operative, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione Civile, Sez. I, 31 agosto 2016, n. 17441 in commento, non può discendere da una generica condotta di omessa vigilanza – tale da essere identificata nei fatti come una responsabilità oggettiva – ma deve essere ricondotta alla violazione del dovere di agire informati, sia sulla base delle informazioni che devono essere rilasciate da parte degli amministratori operativi, sia sulla base delle informazioni che gli amministratori non operativi possono acquisire di propria iniziativa. L’individuazione dei presupposti della responsabilità degli amministratori deleganti si inquadra, pertanto, in un discorso che valorizza la differenziazione dei doveri imposti agli amministratori delegati e quelli tipici degli amministratori non esecutivi.

 

Patti parasociali di rinuncia preventiva all’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori
Con sentenza 28 settembre 2015, n. 19193, la sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale di Roma, nell’affrontare il tema della rinuncia pattizia all’azione di responsabilità verso gli amministratori di una società, ha affermato la validità delle clausole dei patti parasociali, con le quali i soci “entranti” si impegnano a non esercitare l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori “uscenti” o comunque a non votare favorevolmente in assemblea.

La Suprema Corte cambia orientamento: invalido il contratto bancario e finanziario firmato dal solo cliente
La Suprema Corte torna sulla questione della validità dei contratti c.d. monofirma, ossia della copia del contratti bancari e finanziari conservati negli archivi della banca recanti la sola sottoscrizione del cliente e privi invece della firma dell’istituto di credito, affermando che detti contratti sono nulli e, come tali, inopponibili al correntista.

Acquisto di quote di s.n.c.: l’errore sul valore della partecipazione può essere fondatamente dedotto come errore essenziale?
Il Tribunale di Milano ha affermato che di regola – anche con riferimento alle compravendite di quote di s.n.c. – l’accoglimento della domanda di annullamento del contratto per errore essenziale non può prescindere dall’esistenza nel contratto di una esplicita garanzia circa il valore del patrimonio e la qualità dei beni della società (garanzia che nella concreta fattispecie, a giudizio del Tribunale, mancava). 

Le nuova disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione (D.L. 168/2016, convertito dalla L. 197/2016)
Con un nuovo intervento di fine estate, il legislatore è intervenuto ancora una volta in via d’urgenza sulla disciplina del codice di procedura civile, in particolare sulla disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione: il 31 agosto 2016 è stato infatti pubblicato il decreto legge 168/2016, recante “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari” (“D.L. 168/2016”).

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulla qualificazione e l’impugnazione del lodo non definitivo e del lodo parziale
Lodo che decide parzialmente il merito della controversia, immediatamente impugnabile a norma dell’art. 827 c.p.c., comma 3, è sia quello di condanna generica ex art. 278 c.p.c. sia quello che decide una o alcune delle domande proposte senza definire l’intero giudizio, non essendo immediatamente impugnabili i lodi che decidono questioni pregiudiziali o preliminari.

Europe Must Go On 

The 60th anniversary of the Treaty of Rome sees the EU much changed from its early origins. We have moved from an economic community to a Union based on civil and human rights and the values common to the peoples of Europe. It has been, and is, a great success.

However it is clear that the Union is not without its troubles on this important anniversary. The Brexit negotiations are about to start. There are nationalist and decentralizing tendencies in many Member States and important elections in Germany and France. There are real problems of immigration and the absence of, or the uneven distribution of, economic growth.

These problems should not daunt us. Our fathers in the integration process faced greater problems. They sought to make peace and to make an institution to guarantee peace from the ashes of the most destructive of European wars.

What we must do is face up to our problems and resolve them. We have great shoulders to stand on. We have been given the evolving EU treaties, the Single Market, a strong Court of Justice in Luxembourg, good competition law, the rights of citizens, in other words a strong legal framework.

This is no time for faintheartedness. We must move on with courage and ensure that the Union is with us for more than another 60 years.

 

In questo numero, analizziamo una pronuncia del Consiglio di Stato secondo la quale non sarebbe necessaria la pubblicazione sulla Gazzetta UE dell’istanza di proroga di una concessione portuale. I terzi eventualmente interessati a presentare offerte concorrenti sarebbero garantiti, infatti, dalla possibilità di potersi preventivamente informare circa la scadenza della concessione e dalla istruttoria della Autorità Portuale (oggi Autorità di Sistema Portuale), che dovrà rispettare il principio dell’affidamento al soggetto che offre le «maggiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione».

Approfondiamo poi le differenze nel diritto italiano tra un contratto di trasporto e un contratto di appalto avente ad oggetto l’esecuzione di trasporti. È importante qualificare correttamente il tipo di rapporto e qui spieghiamo il perché.

Passiamo, poi, ad esaminare due recenti sentenze dei Tribunali Amministrativi Regionali. La prima decisione riguarda le possibili modalità di assentimento delle concessioni demaniali marittime. La seconda statuisce l’applicabilità del Codice dei Contratti Pubblici anche alla gestione degli interporti con le inevitabili conseguenze che brevemente ricordiamo.

Alla luce della prossima entrata in vigore della Convenzione IMO per il controllo e la gestione delle acque di zavorra, esaminiamo le prevedibili ripercussioni per il settore armatoriale. Uno dei problemi più rilevanti consiste nel fatto che, ad oggi, mancano chiare indicazioni di come rendere le navi compliant rispetto alla nuova normativa. Vi sono, poi, Stati che hanno normative più stringenti rispetto alla Convenzione IMO. Il rischio è quindi quello di investire in apparecchiature che potrebbero non essere ritenute idonee.

Una recente sentenza della Corte di Cassazione ci consente di fare un breve punto sul tema del mancato pagamento di un premio assicurativo e la conseguente sospensione della garanzia. La Suprema Corte, in particolare, afferma la sussistenza della copertura assicurativa qualora il sinistro si verifichi entro il «periodo di tolleranza», a prescindere dal pagamento della successiva rata di premio.

In materia aeroportuale, la Suprema Corte ha aperto le porte alla possibile configurazione di nuovi profili di responsabilità in capo all’ENAC, l’ente che sovraintende alla attività aereoportuale e della navigazione aerea in Italia, nel caso di inadeguata manutenzione della pista che abbia creato danno ad un aeromobile.

Infine, concludiamo con la consueta rassegna delle notizie dal mondo del lavoro marittimo e portuale. La notizia di maggior rilievo è il rinnovo, in Italia, del contratto collettivo nazionale dei dirigenti delle Agenzie Maritime, che ha portato un miglioramento della situazione corrente.

Ringraziamo i nostri colleghi dell’ufficio di Bruxelles per il loro consueto aggiornamento sulle azioni più significative delle istituzioni dell’UE adottate in materia di trasporti e di commercio intenzionale.

Troverete, infine, un primo elenco dei prossimi eventi previsti nelle nostre sedi di Milano e di Roma, oltre al consueto update sulle attività dello Studio nel bimestre passato.

Per la Cassazione non è fattibile il concordato se il piano non specifica le modalità di attuazione
La Corte di Cassazione (n. 4915 del 27 febbraio 2017) ha ribadito che il Tribunale può sindacare la «causa concreta» del concordato preventivo, interpretando in senso estensivo il criterio della assoluta, manifesta inettitudine del piano del debitore a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Spettano ai creditori tutte le risorse generate dalla prosecuzione dell’attività nel concordato con continuità aziendale ?

Il Tribunale di Firenze (2 novembre 2016) ha confermato che il debitore può conservare parte dell’attivo, in un’ottica di favore verso il risanamento dell’impresa ed in deroga ai principi della responsabilità patrimoniale.

Cram down ex art. 182-septies l.fall. se l’accordo è conveniente per la banca rispetto al fallimento

 La recente decisione del Tribunale di Padova (31 dicembre 2016) viene messa a raffronto con i pochi precedenti editi in tema di estensione degli effetti degli accordi di ristrutturazione dei debiti a creditori finanziari non aderenti.

Log in with your credentials

Forgot your details?