Energia

Experienced in financial and regulatory aspects of the energy sector with a tradition of representing sponsors. Specialises in project financing and leasing.
Chambers Europe
Nctm Studio Legale Associato fields a full-service energy group, but with the distinction that nearly all its lawyers have strong litigation and public law backgrounds.
Legal 500

Il mercato dell’energia è in continua evoluzione. Nctm ha maturato una significativa conoscenza ed esperienza nel settore dell’energia, con l’obiettivo di fornire un’assistenza di alto livello di specializzazione e con approccio integrato, in un mercato in forte sviluppo, prestando consulenza ai maggiori operatori del settore.

Nctm si è inoltre contraddistinto nel settore dell’energia da fonti rinnovabili, sia per il numero che per la rilevanza delle operazioni seguite.

La nostra expertise nel settore dell’energia comprende, tra l’altro, le seguenti attività:

  • redazione e negoziazione di contratti di tolling;
  • contratti di copertura del rischio finanziario legato alla compravendita di energia elettrica su base spot;
  • contratti EPC;
  • contratti O&M;
  • contratti di Management Services;
  • contratti EFET, ISDA, FIDIC;
  • negoziazione di accordi bilaterali o multilaterali di fornitura di gas ed altri combustibili;
  • acquisizione di società che operano nel settore energetico;
  • accordi di sviluppo, accordi quadro, joint venture agreements;
  • contratti per la vendita di energia e di certificati verdi;
  • due diligence legali riguardanti le autorizzazioni, i permessi, ed i nulla-osta  relativi a progetti di impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile e tradizionale;
  • consulenza e assistenza volte ad ottimizzare l’efficienza fiscale  dei progetti;
  • contratti di finanziamento in project financing e leasing.
  • Comunicati Stampa
  • Articoli
  • Newsletter
27/04/2017
Diritto Bancario & Finanziario

Nctm Studio Legale ha assistito un pool di banche, composto da Banca Popolare di Bari S.c.p.A., in qualità di banca Agente, Banca Popolare di Milano S.p.A. e Banca di Puglia e Basilicata S.c.p.A., nel finanziamento in regime di project financing, a Dynamica S.r.l. , controllata di PLT energia S.p.A., società quotata all’AIM.

L’operazione del valore complessivo di circa 40 milioni di euro, permetterà la realizzazione di un impianto eolico dalla potenza complessiva di 22,55 MW, sito nel Comune di Simeri Crichi (CZ).

Nctm Studio Legale ha assistito il pool di banche con un team guidato da Eugenio Siragusa.

26/04/2017
Diritto Bancario & Finanziario

Nctm Studio Legale e Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners hanno assistito rispettivamente MPS Capital Services Banca per le imprese, in qualità di banca arranger, e la società veicolo e gli sponsor, nell’operazione in regime di project financing per il finanziamento del parco eolico di 10 MW di Marche Energie Rinnovabili (gruppo Fortore) sito nel Comune di Apecchio, Regione Marche.

Il team di Nctm Studio Legale è stato guidato da Eugenio Siragusa, mentre il team di Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners è stato guidato da Giovanni Santangelo coadiuvato da Flavia Bertini.

30/01/2017
Fusioni & Acquisizioni, Private Equity

Solvay Participations Belgique S.A., parte del gruppo belga Solvay, pluri specializzato nel settore chimico, Marubeni Europe plc (“Marubeni”), parte di Marubeni Corporation, general trading company giapponese attiva in tutto il mondo e in settori diversificati, tra cui quello chimico e energetico, e Ansaldo Energia S.p.A. (“Ansaldo”), azienda italiana leader nella progettazione, realizzazione e installazione di impianti termici e impianti in ciclo combinato o aperti per la generazione di energia elettrica, hanno deciso di costituire una joint venture. Ansaldo Energia effettuerà un investimento di minoranza ricevendo azioni privilegiate.

L’accordo permetterà di realizzare un progetto di efficienza energetica a lungo termine basato sulla fornitura combinata di calore ed energia elettrica nell’impianto di Solvay di Rosignano. Inoltre, la joint venture acquisirà, manterrà e gestirà gli impianti già esistenti presso lo stabilimento Solvay di Rosignano.

Solvay e Marubeni sono state assistite da Herbert Smith Freehills, con un team guidato da Christopher Theris, e da Nctm Studio Legale con un team guidato da Matteo Trapani coadiuvato da Miranda Cellentani e Antonella Barbato. Ansaldo Energia è stata assistita da LMS Studio Legale con un team guidato da Francesco Serrano.

1/06/2017
Diritto Amministrativo, Pubblico Comunitario

“To simultaneously solve the dilemma of energy demand, waste management, and greenhouse gas emission for communities globally, the waste-to-energy (WTE) supply chain as district energy system should be a viable method towards circular industrial economy. Several essential state-of-the-art WTE technologies including combustion gasification and anaerobic digestion were evaluated. Portfolio options of technologies for different types of WTE supply chains must be examined for achieving circular economy system”[1].

For a better understanding of this process, it seems to be relevant to read the European Commission Communication titled “The Role of waste-to-energy in the Circular Economy”. EU legislation on waste, including recent proposals for higher recycling targets for municipal and packaging waste and for reducing landfill, is guided by the waste hierarchy and aims to shift waste management upwards towards prevention, reuse and recycling.

The Communication focuses on energy recovery from waste and its place in the circular economy. Waste-to-energy is a broad term that covers much more than waste incineration. It encompasses various waste treatment processes generating energy (e.g. in the form of electricity/or heat or produce a waste-derived fuel), each of which has different environmental impacts and circular economy potential.

Waste-to-energy process can play a role in the transition to a circular economy provided that EU waste hierarchy is used as a guiding principle and that choices made do not prevent higher levels of prevention, reuse and recycling. This is essential in order to ensure the full potential of a circular economy, both environmentally and economically and to reinforce the European leadership in green technology. Moreover, it is only by respecting the waste hierarchy that waste-to-energy can maximise the circular economy’s contribution to decarbonisation, in line with the Energy Union Strategy and the Paris Agreement. As mentioned earlier, it is waste prevention and recycling that deliver the highest contribution in terms of energy savings and reductions in GHGs emission.

At the basis of this Communication we find some considerations on the EU waste hierarchy: it is necessary to ensure that the recovery of energy from waste in the EU supports the objectives of the circular economy action plan. Also, the role of waste-to-energy processes would be optimised to play a part in meeting the objectives set out in the Energy Union Strategy and in the Paris Agreement. At the same time, by highlighting proven energy-efficient technology the approach to waste-to-energy set out in the Communication is meant to provide incentives for innovation and help create high-quality jobs.

The Waste Hierarchy[2] is the cornerstone of EU policy and law on waste and is a key to the transition to the circular economy. Its primary purpose is to establish an order of priority that minimises adverse environmental effects and optimises resources efficiency in waste prevention and management.

Consequently, this Hierarchy could help to clarify the position of different waste-to-energy processes; to provide guidance to the Member States on how to make better use of economic instruments and capacity planning with a view to avoiding or addressing potential overcapacity in waste incineration; to identify the technology and processes which currently hold the greatest potential to optimise energy and material outputs, taking into account expected changes in the feedstock for waste-to-energy processes.

The main waste-to-energy processes as identified by the European Commissions are the follows:

  • co-incineration of waste in combustion plants and in cement ad lime production;
  • waste incineration in dedicated facilities;
  • anaerobic digestion of biodegradable waste;
  • production of waste-derived solid, liquid or gaseous fuels;
  • other processes including indirect incineration following a pyrolysis or gasification step.

These processes have different impacts and rank differently the waste hierarchy.

The Communication stresses that the waste hierarchy also broadly reflects the preferred environmental option from a climate perspective: disposal, in landfills or through incineration with little or no energy recovery, is usually the least favourable option for reducing greenhouse gas (GHG) emissions; conversely waste prevention, reuse and recycling have the highest potential to reduce GHG emissions.

It is also relevant to recall that Article 2(6) of the Commission Decision 2011/753/EU[3] gives to the Member States some flexibility in the application of the hierarchy, as the ultimate goal is to encourage those waste management options that deliver the best environmental outcome. For some specific waste streams, achieving the best environmental outcome may entail departing from the priority order of the hierarchy, i.a. for reasons of technical feasibility, economic viability and environmental protection. [4] For instance, in some specific and justified cases (e.g. materials) that contain certain

substances of very high concern), disposal or energy recovery may be preferable to recycling.

Finance
At EU level, the transition towards more sustainable waste management systems receives financial support, mainly through the co-financing of the Cohesion Policy Funds. In the case of these funds, pre-conditions must be met to ensure that new investments in the waste sector are in line with waste management plan designed by Member States to meet their preparation for reuse ad recycling targets. As stated in the Circular Economy Action Plan, this means that investments in treatment facilities for residual waste, such as extra incineration capacity would only be granted in limited and well justified cases, where there is no risk of overcapacity and the objectives of the waste hierarchy are fully respected.

Investments channelled through other EU financial mechanisms, such as the European Fund for Strategic Investments (EFSI) also have an important role to play in attracting private financing to the best and most “circular” solutions for waste management through loans, guarantees, equity and other risk-bearing mechanisms. In addition, available EU financial support for research and innovation in waste-to-energy technologies (e.g. Horizon 2020, but also Cohesion Policy funds) contributes to ensuring continued EU leadership and bringing advanced energy-efficient technologies to the market.

At national Level, public financial support has also often played a key role in developing more sustainable waste management solutions and in promoting renewable energy and energy efficiency. When assessing public financial support for waste-to-energy processes, it is particularly important not to undermine the waste hierarchy by discouraging waste management options with higher circular economy potential. This is clearly reflected in the existing guidelines on state aid for environmental protection and energy which state that support for energy from renewable sources using waste or support for cogeneration and district heating installations using waste can make a positive contribution to environmental protection provided it does not circumvent the energy hierarchy.
Public funding should have also avoid creating overcapacity for non-recyclable waste treatment such as incinerators. In this respect, it should be borne in mind that mixed waste as a feedstock for waste-to-energy processes is expected to fall as a result of separate collection obligations and more ambitious EU recycling targets. For these reasons, Member States are advised to gradually phase-out public support for the recovery of energy from mixed waste.

 

 

 

[1] As set out in Article 4 of Directive 2008/98/EC on Waste and repealing certain Directives, in OJ L 312, 22.11.2008.

[2] The Decision establish rules and calculation method for verifying compliance with the targets set in Article 11(2) od Directive 2008/98/EC .

[3] This must be justified in line with the provision laid out in Article 4(2) of the Waste Framework Directive 2008/98/EC “Supporting environmentally sound decisions for waste management”.

[4]Strategies on implementation of waste-to-energy ( WTE )supply for circular economy system: a review”, Yuan Pan, Micheal Alex and others, in Journal of Cleaner Production, Vol. 108, Part A, December 2015.

16/03/2017
Diritto delle Assicurazioni - Internazionalizzazione - Diritto dell’Energia - Contenzioso & Arbitrati - International Trade & Customs - Diritto Amministrativo, Pubblico Comunitario

The UK is nothing if not pragmatic. The pragmatism has sometime been referred to as perfidiousness: perfidious Albion. What is sure is that the UK will approach the divorce with the EU in a very pragmatic fashion. It will seek to develop bi-lateral relations with its direct trading partners. It will seek to revive the trade pre erences in the Commonwealth. It will seek independent influence in all international bodies.

La legge portuale italiana vieta ad un operatore la gestione di più aree demaniali aventi ad oggetto la stessa attività di impresa in un medesimo porto. Analizziamo come questo divieto potrebbe essere stato modificato a seguito della recente riforma del 2016.

Proseguiamo ad esaminare una recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana, la quale ha chiarito gli obblighi gravanti sull’Amministrazione Pubblica in caso di espropriazione di aree private nei porti italiani.

La recente estensione del campo di applicazione del Regolamento generale di esenzione per categoria (2014) alla concessione di aiuti di stato a porti ed aeroporti dell’UE ci induce a ricordare due recenti sentenze della Corte di Giustizia in merito agli aiuti di Stato nel settore marittimo e – in particolare – alla compensazione degli obblighi di servizio pubblico alle imprese incaricate della gestione di servizi d’interesse economico generale.

Poi, analizziamo due sentenze, provenienti da Regno Unito e Spagna, riguardanti l’applicazione di due importanti convenzioni internazionali nell’ambito de trasporti internazionali, le Hague-Visby Rules e la CMR. La sentenza inglese conferma che la mancata materiale emissione di una polizza di carico non rileva al fine di escludere l’applicabilità della normativa uniforme, mentre la sentenza spagnola ci fornisce una definizione di “colpa parificata a dolo” ai fini dell’esclusione del limite di responsabilità vettoriale.

Anche la Corte di Cassazione italiana ha emesso due interessanti sentenze in materia di trasporti. La Suprema Corte italiana ha negato al portatore della polizza di carico la titolarità ad agire nei confronti di un vettore marittimo per danni alla merce, in caso di mancata girata della polizza di carico dal ricevitore al portatore, e ha considerato uno “scambio di contenitori” quale ipotesi di colpa grave del vettore stradale.

Infine, analizziamo una sentenza della Commissione Tributaria di Roma, relativa alla IRESA, la tassa sul rumore negli aeroporti italiani. Tale sentenza, in considerazione del fatto che la Regione Lazio ha disatteso i principi e le finalità previsti dalla normativa nazionale ed europea relativi alla destinazione del gettito derivante dall’imposta, ha concluso per la disapplicazione dell’IRESA per come prevista dalla normativa regionale.

Alberto Rossi

There’s a fair European wind blowing

Probably the most important outcome of the French election is not so much the actual electoral defeat of the National Front but the decision of that party to remove from its policy programme the idea of withdrawing from the Euro and promoting a referendum on Frexit. In other words, those parties which have based their political offer to the electorate on the negative impact of globalization and the hard impact of immigration, no longer see the solution as the break-up of the EU.

The same in happening in the Netherlands and even in the UK where the May government is promoting the need to address the negative aspects of globalization and migration in a substantive manner and not long saying that Brexit itself is the answer.

This is a window of opportunity that the EU must embrace. The underlying issues of migration and globalization must be addressed. But if they are addressed in a satisfactory manner the EU itself is not being challenged. There is a recognition in France and in the Netherlands, and even in Germany given the results in the recent Lander elections among the vast majority of the electorate that the EU remains a valid project and that the solutions are best found within its remit.

If Macron and Merkel can get together with the Italy and Spain, much can be done. From an insider’s point of view the only possible hiccup in catching this favourable wind is the capacity of the Commission to recognize it.

 

Alitalia: amministrazione straordinaria secondo round
Con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) del 2 maggio 2017 è stata disposta la procedura di amministrazione straordinaria di Alitalia Società Aerea Italiana S.p.A. ai sensi del d.l. n. 347/2003 (c.d. legge Marzano) e con sentenza del Tribunale di Civitavecchia dell’11 maggio 2017 è stato dichiarato lo stato di insolvenza.

Il Tribunale può inserire in sede di omologazione clausole modificative della proposta di concordato?
La Cassazione 3 aprile 2017, n. 8632 ha stabilito che il decreto di omologazione può essere reclamato, anche in assenza di opposizioni, in relazione ad addizioni estranee alla proposta introdotte d’imperio dal Tribunale, che non rappresentino semplici formule organizzative della fase di esecuzione del concordato.

La banca risponde del danno causato alla società dagli amministratori per ricorso abusivo al credito?
La Cassazione 20 aprile 2017, n. 9983 conferma un proprio precedente secondo cui la banca può essere ritenuta responsabile per concorso nell’illecito, distinguendo la fattispecie da quella della concessione abusiva di credito.

Cause di ineleggibilità e decadenza del sindaco professionista in uno studio associato
Ai sensi dell’art. 2399, lett. c), c.c. è ineleggibile, e se eletto decade dall’ufficio, il sindaco che intrattiene con la società o sue controllate rapporti di natura patrimoniale che ne compromettano l’indipendenza. Ci si interroga se il caso in cui il sindaco sia parte di uno studio associato che presta attività di consulenza alla medesima società integri l’ipotesi prevista dalla legge. Sebbene il quesito sia risolto tendenzialmente in senso affermativo, permangono tuttavia dubbi circa i criteri adottati dalla Corte di Cassazione al fine di determinare i casi in cui, concretamente, l’indipendenza del sindaco possa dirsi compromessa.

La portata della delega gestoria nelle s.r.l.: contenuto e limiti
La Suprema Corte, con sentenza n. 25085 del 7 dicembre 2016, ha riconosciuto la legittimità di una delega di gestione di carattere generale, da parte del consiglio di amministrazione a favore di singoli consiglieri delegati con esercizio disgiunto dei poteri, nella misura in cui la stessa non sia diretta ad escludere l’esercizio di un concorrente potere di gestione da parte dell’organo collegiale amministrativo.

Trattamento di dati per finalità di marketing: la tutela delle persone giuridiche
Il Garante per la Protezione dei Dati Personali, con provvedimento n. 4 del 12 gennaio 2017, ha precisato la disciplina relativa al trattamento di dati personali per finalità di marketing, dichiarando illegittimo sia  il trattamento di dati raccolti per il tramite di moduli presenti all’interno dei siti internet delle società sia il trattamento di dati (i.e. le utenze telefoniche) autonomamente reperiti sul web.

La responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. n. 231/2001 all’interno dei gruppi di imprese
È ammissibile una responsabilità, ai sensi del d.lgs. n. 231 del 2001, della società capogruppo per reati commessi nell’ambito delle attività svolte dalle società da essa controllate a condizione che a) il soggetto che agisce per conto della holding concorra con il soggetto che commette il reato per  conto  della persona giuridica controllata; e che b) possa ritenersi che la holding abbia ricevuto un concreto vantaggio o perseguito un effettivo interesse a mezzo del reato commesso nell’ambito dell’attività svolta dalla società controllata.

Considerazioni in merito alla rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere
La sentenza della Corte di Cassazione, sez. II, n. 4205 del 3 marzo 2016 offre l’opportunità per dare brevemente conto delle diverse posizioni di giurisprudenza e dottrina in materia di rinunciabilità dell’effetto risolutorio della diffida ad adempiere.

La responsabilità degli amministratori non operativi e il dovere di agire in modo informato
La responsabilità degli amministratori privi di deleghe operative, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione Civile, Sez. I, 31 agosto 2016, n. 17441 in commento, non può discendere da una generica condotta di omessa vigilanza – tale da essere identificata nei fatti come una responsabilità oggettiva – ma deve essere ricondotta alla violazione del dovere di agire informati, sia sulla base delle informazioni che devono essere rilasciate da parte degli amministratori operativi, sia sulla base delle informazioni che gli amministratori non operativi possono acquisire di propria iniziativa. L’individuazione dei presupposti della responsabilità degli amministratori deleganti si inquadra, pertanto, in un discorso che valorizza la differenziazione dei doveri imposti agli amministratori delegati e quelli tipici degli amministratori non esecutivi.

 

Patti parasociali di rinuncia preventiva all’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori
Con sentenza 28 settembre 2015, n. 19193, la sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale di Roma, nell’affrontare il tema della rinuncia pattizia all’azione di responsabilità verso gli amministratori di una società, ha affermato la validità delle clausole dei patti parasociali, con le quali i soci “entranti” si impegnano a non esercitare l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori “uscenti” o comunque a non votare favorevolmente in assemblea.

La Suprema Corte cambia orientamento: invalido il contratto bancario e finanziario firmato dal solo cliente
La Suprema Corte torna sulla questione della validità dei contratti c.d. monofirma, ossia della copia del contratti bancari e finanziari conservati negli archivi della banca recanti la sola sottoscrizione del cliente e privi invece della firma dell’istituto di credito, affermando che detti contratti sono nulli e, come tali, inopponibili al correntista.

Acquisto di quote di s.n.c.: l’errore sul valore della partecipazione può essere fondatamente dedotto come errore essenziale?
Il Tribunale di Milano ha affermato che di regola – anche con riferimento alle compravendite di quote di s.n.c. – l’accoglimento della domanda di annullamento del contratto per errore essenziale non può prescindere dall’esistenza nel contratto di una esplicita garanzia circa il valore del patrimonio e la qualità dei beni della società (garanzia che nella concreta fattispecie, a giudizio del Tribunale, mancava). 

Le nuova disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione (D.L. 168/2016, convertito dalla L. 197/2016)
Con un nuovo intervento di fine estate, il legislatore è intervenuto ancora una volta in via d’urgenza sulla disciplina del codice di procedura civile, in particolare sulla disciplina del giudizio davanti alla Corte di cassazione: il 31 agosto 2016 è stato infatti pubblicato il decreto legge 168/2016, recante “Misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari” (“D.L. 168/2016”).

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulla qualificazione e l’impugnazione del lodo non definitivo e del lodo parziale
Lodo che decide parzialmente il merito della controversia, immediatamente impugnabile a norma dell’art. 827 c.p.c., comma 3, è sia quello di condanna generica ex art. 278 c.p.c. sia quello che decide una o alcune delle domande proposte senza definire l’intero giudizio, non essendo immediatamente impugnabili i lodi che decidono questioni pregiudiziali o preliminari.

Log in with your credentials

Forgot your details?