Articoli
28/07/2020
Corporate & Commercial

Emergenza Covid-19 e settore assicurativo: chiarimenti Eiopa in materia di POG e comunicato della Commissione Europea sulle buone pratiche per il settore assicurativo

Pubblicati i Chiarimenti di EIOPA sulle aspettative dell’Autorità in materia POG nel contesto dell’emergenza Covid-19

In data 8 luglio 2020, l’Autorità Europea delle Assicurazioni e delle Pensioni Aziendali e Professionali (EIOPA) ha pubblicato alcuni chiarimenti sull’applicazione dei requisiti di Product Oversight and Governance (POG) in relazione agli effetti della pandemia COVID-19. L’Autorità, al fine di garantire l’equo trattamento dei clienti e la continuità degli effetti delle polizze per tutta la loro durata, ha ritenuto opportuno chiarire le sue aspettative per gli operatori del settore assicurativo.

In particolare, EIOPA si attende che i “manufacturers[1] di prodotti assicurativi identifichino se e quali dei prodotti da loro offerti siano materialmente impattati dal COVID-19 in considerazione delle loro caratteristiche principali, dei rischi coperti e delle garanzie offerte.

I “manufacturers” saranno tenuti a valutare se i loro prodotti siano stati materialmente colpiti dagli effetti del COVID-19, tenendo conto degli effetti del lock-down e delle differenti misure adottate nei vari Stati membri e dell’impatto di entrambi sulle abitudini e sullo stile di vita degli assicurati, quali: la mobilità, il rischio della responsabilità civile, la propensione a viaggiare e l’accesso a servizi (es. servizi medici non essenziali). Questa valutazione implica l’accertamento del fatto che questi prodotti continuino ad offrire valore agli assicurati a cui sono indirizzati, tendendo conto dei loro bisogni, caratteristiche ed obbiettivi. In particolare, l’oggetto della valutazione dovrà includere: il rischio coperto, le esclusioni e i benefici principali della polizza. Inoltre, i manufacturers dovrebbero svolgere una valutazione annuale degli indicatori relativi ai prodotti quali la frequenza dei sinistri. Ai fini delle varie valutazioni, EIOPA suggerisce di adottare una prospettiva di medio e lungo periodo che analizzi l’intero ciclo di vita del prodotto al fine di non correre il rischio di una reazione troppo repentina ad effetti transitori o di magnitudine non sufficiente.

Qualora i manufacturers dovessero individuare prodotti non più sufficientemente allineati con il target market di riferimento, questi dovranno valutare se il disallineamento sia tale da comportare un pregiudizio per l’equo trattamento dei clienti, prendendo come riferimento il mercato nel suo complesso piuttosto che il singolo assicurato.

Una volta individuato il possibile pericolo di pregiudizio per la propria clientela, gli assicuratori saranno tenuti ad adottare misure per mitigarlo. EIOPA stabilisce che dette misure debbano anche tenere conto delle disposizioni rilevanti di diritto civile ed assicurativo applicabili. Inoltre, l’Autorità chiede che dette misure debbano essere proporzionali al pericolo di pregiudizio degli assicurati, che riflettano le possibili variazioni dell’utilità del prodotto e che abbiano lo scopo di riallineare il prodotto impattato da COVID-19 ai bisogni del target market. Queste misure dovranno essere prese mediante un approccio product-by-product e basarsi su una prospettiva di lungo periodo coerente con la sostenibilità del prodotto stesso.

In linea con i requisiti in materia di POG le misure rimediali dovranno mitigare le situazioni di rischio e evitare ulteriori pregiudizi mediante l’adozione, per esempio di aggiustamenti della copertura, di benefici, di estensioni delle garanzie offerte mediante clausole tailor-made, di premi non maggiorati, di offerte di servizi e di coperture addizionali, di una maggior chiarezza nella descrizione dei prodotti e, in specifiche circostanze, di sconti o restituzioni sui premi. Inoltre, dette misure dovranno: (i) riflettere le particolari circostanze del mercato nazionale precedenti, attuali e successive alla pandemia; (ii) tenere conto della disciplina nazionale del contratto; (iii) considerare le misure nazionali adottate per il COVID-19 al fine di garantire sostenibilità e fattibilità dei prodotti; e (iv) valutare anche le problematiche di più ampio respiro quali solvibilità degli assicurati messi alla prova dall’emergenza.

Comunicato della Commissione Europea sulle buone pratiche per il settore assicurativo in relazione alla pandemia da COVID-19

In data 14 luglio 2020, la Commissione Europea ha pubblicato un comunicato avente ad oggetto le “migliori pratiche” per il settore bancario, creditizio ed assicurativo allo scopo di fornire supporto ai consumatori ed alle imprese in risposta all’emergenza COVID-19.

In particolare la Commissione, preso atto che la pandemia e le misure di prevenzione della stessa stanno avendo pesanti effetti sul tessuto economico degli Stati membri, ha delineato le “best practice” a cui gli assicuratori e i loro intermediari sono incoraggiati ad attenersi, alla luce della situazione attuale contraddistinta da: interruzioni delle attività, ritardi nelle forniture e negli adempimenti, compressione della domanda, aumento della disoccupazione, riduzione degli introiti e diffuse difficoltà nei pagamenti.

La Commissione incoraggia gli operatori del mercato assicurativo:

  1. a tenere in considerazione le menzionate problematiche pratiche e a mostrare flessibilità nei confronti degli assicurati che possano avere difficoltà nell’adempimento del proprio contratto, essere stati costretti ad alterare le proprie abitudini e che stiano affrontando problemi finanziari; continuando in ogni caso a perseguire i migliori interessi dei clienti per tutta la durata del rapporto e della vita del prodotto;
  2. a svolgere più celermente possibile quelle attività di gestione delle richieste d’indennizzo, risoluzione delle controversie sulla copertura e pagamento dell’indennità dovuta per effetto dell’occorrenza di sinistri;
  3. relativamente alle condizioni di proroga dei pagamenti, a mostrarsi disponibili alle richieste degli assicurati che si trovino in difficoltà finanziarie a causa del COVID-19 a posporre temporaneamente i pagamenti dei premi, senza interessi o costi aggiuntivi, per quanto finanziariamente sostenibile. Inoltre, gli assicuratori sono incoraggiati a fare in modo che le condizioni di proroga dei pagamenti non siano troppo rigide od onerose al punto da scoraggiare o impedire agli assicurati di avvalersene. La Commissione suggerisce che tali condizioni debbano essere chiare e comprensibili in particolare relativamente ai costi a cui possono essere condizionati;
  4. con implicito richiamo ai summenzionati chiarimenti EIOPA in materia di POG, a valutare la rispondenza delle caratteristiche dei prodotti offerti alle necessità e ai bisogni del mercato di riferimento tenendo conto delle caratteristiche dei prodotti, dei rischi coperti e delle garanzie offerte;
  5. relativamente ai premi, a rivalutarle affinché siano coerenti ai costi, ai rischi ed all’incidenza dei sinistri relativamente al periodo della pandemia, tenendo in considerazione il periodo di efficacia della polizza nella sua interezza;
  6. in conformità con le disposizioni di legge applicabili, a proteggere gli interessi dei risparmiatori con orizzonte di lungo termine, scoraggiando qualsiasi repentino recupero o riallocazione di fondi che realizzerebbe perdite nel breve periodo a causa della perdita di valore dei beni causata dalla pandemia.

 

Il contenuto di questo articolo ha valore solo informativo e non costituisce un parere professionale. Per ulteriori informazioni contattare Michele ZuccaAnthony Perotto o Guido Foglia.

 

 

[1] Con il termine “manufacturer” EIOPA intende indicare sia le compagnie assicurative sia i c.d. “intermediari di fatto”, come definiti dal Regolamento Delegato (UE) 2017/2358 della Commissione del 21 settembre 2017 quali tutti quei soggetti che “realizzano prodotti assicurativi laddove un’analisi globale della loro attività mostri che gli stessi svolgono un ruolo decisionale nella progettazione e nello sviluppo di un prodotto assicurativo per il mercato”.

Ricevi i nostri aggiornamenti