Articoli
12/02/2019
Diritto Bancario & Finanziario

Proposta di legge: una Camera per le controversie commerciali internazionali

Sono sempre più numerosi i rapporti commerciali che si basano su contratti redatti in lingua inglese; si tratta infatti del metodo migliore a disposizione delle imprese transnazionali per disporre di una documentazione uniforme per eventuali società controllate e filiali dislocate in diversi paesi.

Non poche criticità si manifestano tuttavia qualora dal rapporto d’affari sorga una controversia: in Germania, il § 184 della Legge sulla struttura e sulle funzioni dei tribunali (GVG) dispone che la lingua utilizzata in tribunale, così come durante le udienze e nelle memorie, debba necessariamente essere il tedesco. È chiaro come ciò, per un verso, possa comportare un considerevole aggravio per le imprese di origine estera e, per altro verso, non contribuisca affatto all’attrattività della Germania nella scelta della sede legale di un’impresa.

Al fine di superare tali difficoltà, nel 2018 il Landgericht di Francoforte e il Landgericht di Amburgo hanno istituito camere di diritto commerciale ove l’udienza orale sulle controversie commerciali può ora svolgersi in lingua inglese. Tuttavia, le memorie devono ancora essere redatte in tedesco, così come le decisioni e le sentenze.

Un ulteriore passo in avanti verso un processo sempre più internazionalizzato si riscontra in una recente proposta di legge del Bundesrat, in cui si prevede una modifica della GVG che autorizza i Länder a istituire una “Camera per le questioni commerciali internazionali” in una o più circoscrizioni giurisdizionali regionali. Qualora si presentasse una controversia in ambito commerciale caratterizzata da una dimensione transnazionale, con il consenso delle parti coinvolte, la legge consentirà di condurre il processo interamente in lingua inglese. Agli imprenditori e alle persone giuridiche di diritto pubblico sarà altresì consentito di accettare la devoluzione di eventuali controversie alla giurisdizione di questa Camera, già prima del sorgere di una lite.

Si rimane tuttavia ancora in attesa dell’approvazione da parte del Bundestag alla modifica della GVG appena descritta. Se ciò avvenisse, i vantaggi sarebbero notevoli: oltre ad agevolare in processo le imprese operanti a livello internazionale, si incentiverebbe la scelta del diritto tedesco nell’ambito del diritto internazionale privato.

In ultima analisi, l’introduzione di queste Camere potrebbe anche contribuire a ridurre la percentuale di procedure arbitrali, non sempre considerate in linea con il diritto costituzionale tedesco.

 

 

 

Il contenuto di questo articolo ha valore solo informativo e non costituisce un parere professionale.
Per ulteriori informazioni contattare Tommaso dalla Massara.

Ricevi i nostri aggiornamenti