Rassegna Stampa
02/07/2019
Milanofinanza.it

Landi R.: sigla contratto finanziamento da 65 mln euro

Landi R. ha siglato con un pool di tre primarie banche un contratto di finanziamento a medio termine di durata quinquennale per un importo complessivo di 65 mln euro. Gli istituti coinvolti, si legge in una nota, sono Banco Bpm, che ha coordinato il finanziamento ed e’ stato mandated lead arranger e bookrunner assieme a Banca Imi (gruppo Intesa Sanpaolo) e Unicredit. Banco Bpm, Intesa Sanpaolo e Unicredit sono le banche finanziatrici dell’operazione. Tali risorse finanziarie saranno utilizzate per riqualificare l’esposizione finanziaria in essere per complessivi 55 mln nonche’, per la restante quota, per finanziare il piano di investimenti e crescita del gruppo Landi Renzo. “Estinguere anticipatamente, dopo solo due anni, il rifinanziamento che la societa’ aveva sottoscritto nel momento di difficolta’ e sostituirlo con questo accordo e’ per tutto il team un motivo di grande orgoglio e rappresenta un segnale di fiducia molto importante che ci arriva da primari istituti bancari, dopo il miglioramento del rating e gli accordi di sviluppo siglati con importanti OEM a livello globale.

Il nuovo piano di finanziamento ci consentira’ di ridurre gli oneri finanziari, di avere ancora piu’ liquidita’ da investire per lo sviluppo del gruppo e di focalizzarci con ancora maggiore determinazione sul piano di crescita che stiamo portando avanti a livello internazionale nel settore automotive (nei segmenti passenger car ed heavy duty), con investimenti in ambiti strategici come la mobilita’ ad idrogeno”, ha dichiarato Cristiano Musi, a.d. di Landi Renzo. Al fine di migliorare il profilo finanziario, il Cda aveva approvato nel corso del Consiglio di Amministrazione del 14 maggio scorso la negoziazione di un nuovo contratto di finanziamento volto principalmente ad estinguere l’indebitamento finanziario esistente derivante dall’Accordo di Ottimizzazione sottoscritto nel marzo 2017 e dal Prestito Obbligazionario “LANDI RENZO 6,10% 2015-2022”, oltre che a reperire nuove risorse finanziarie per sostenere nuovi investimenti e per lo sviluppo del business per circa 10 milioni. Il Cda aveva inoltre deliberato di procedere al rimborso integrale anticipato del suddetto prestito obbligazionario ai sensi dell’art. 9 del relativo Regolamento. Il piano di rimborso del debito prevede rate semestrali per 40 mln, mentre per gli ulteriori 15 mln il rimborso verra’ fatto alla scadenza del contratto di finanziamento. Nell’operazione Landi Renzo e’ stata assistita dallo studio legale Clifford Chance, mentre le banche sono state assistite dallo Studio Legale Nctm.

 

Tratto da Milanofinanza.it

Ricevi i nostri aggiornamenti