Rassegna Stampa
04/12/2020
Ansa.it
Fusioni & Acquisizioni, Private Equity

LivaNova e Gyrus Capital stipulano un accordo per l’acquisto del business delle valvole cardiache

Nova e Gyrus Capital stipulano un accordo per l’acquisto del business delle valvole cardiache Business Wire.

LivaNova PLC (NASDAQ: LIVN), società leader di mercato nel settore della tecnologia e innovazione medica, e Gyrus Capital (Gyrus), una società di investimento dedicata agli investimenti nei settori della sanità e della sostenibilità, hanno annunciato oggi di aver stipulato un accordo in base al quale entità finanziate e controllate da Gyrus acquisiranno il business delle valvole cardiache (HV) di LivaNova.

Il Consiglio di Amministrazione di LivaNova ha approvato all’unanimità la cessione, che ritiene consentirà alla Società di concentrarsi maggiormente nelle sue aree di attività primarie, neuromodulazione e cardiovascolare, e di dedicare maggiori risorse al completamento delle sue promettenti opportunità in canale di sviluppo. Una volta completata la transazione, Gyrus intende focalizzare l’attenzione del management e gli investimenti sul business HV per posizionarlo al fine di diventare un attore leader a livello globale nel mercato delle valvole cardiache chirurgiche, traducendosi in opportunità ancora maggiori per dipendenti, clienti e pazienti. questo comunicato stampa include contenuti multimediali.

“Il business di LivaNova HV è un attore globale nelle valvole cardiache chirurgiche con prodotti di prima classe e opportunità di crescita interessanti”, ha affermato Guy Semmens, Managing Partner di Gyrus Capital. “Questa attività si adatta perfettamente alla nostra strategia di investire in progetti di trasformazione nei settori della sanità e della sostenibilità. Crediamo che, concentrandosi sui prodotti principali, questa nuova società indipendente possa massimizzare il proprio potenziale attraverso il nostro investimento nei suoi prodotti e nelle persone “.

“Riteniamo che LivaNova e Gyrus trarranno vantaggio da questa transazione e che, sotto la proprietà di Gyrus, l’attività HV prospererà e crescerà”, ha affermato Damien McDonald, amministratore delegato di LivaNova. “Per LivaNova, la cessione della nostra attività HV è un’importante pietra miliare nell’esecuzione della nostra strategia di ottimizzare il nostro portafoglio in modo da essere nella posizione migliore per servire i nostri pazienti e fornire valore ai nostri azionisti. In particolare, intendiamo concentrarci più direttamente sui nostri principali driver di crescita e migliorare continuamente la nostra eccellenza operativa “.

“Ci impegniamo a fare di questa l’azienda leader dedicata ai cardiochirurghi e ai loro pazienti, fornendo le migliori soluzioni per combattere le cardiopatie strutturali”, ha affermato Christian Mazzi, futuro CEO della società HV. “Abbiamo in programma di fare leva sulle solide basi nelle valvole meccaniche e costruire il motore di crescita con la valvola aortica Perceval® e l’anello di riparazione mitralica Memo 4D®, investendo in ricerca e sviluppo per perseguire nuovi prodotti e partnership. Con questo focus, intendiamo costruire la nostra azienda indipendente, completamente dedicata all’HV, alle sue persone, ai suoi clienti e prodotti. La nostra missione e ambizione è di crescere sulla base di priorità chiaramente definite, eccellenza commerciale e innovazione, sostenuta da Gyrus, un forte partner focalizzato nel settore che è pronto a investire nel nostro futuro. Attendiamo con impazienza una transizione senza soluzione di continuità e il coinvolgimento dei dipendenti delle valvole cardiache LivaNova in tutto il mondo mentre diventano parte della nostra azienda indipendente”.

Il business di LivaNova HV è un portafoglio completo di prodotti, tra cui Perceval®, un’esclusiva valvola aortica senza suture, insieme a valvole biologiche e meccaniche per soddisfare le diverse esigenze di chirurghi cardiaci e pazienti in tutto il mondo. L’azienda HV impiega circa 900 dipendenti in tutto il mondo con le principali operazioni a Saluggia, in Italia, e Vancouver, in Canada. La cessione del business HV (ad eccezione del business HV francese per il quale LivaNova ha ricevuto un’offerta vincolante da un’affiliata di Gyrus e una decisione deve ancora essere presa) è per un corrispettivo di € 60 milioni (US $ 73 milioni), soggetto agli abituali aggiustamenti del prezzo di acquisto, e dovrebbe essere completata nella prima metà del 2021, 10 milioni di euro di tale cifra saranno pagati alla fine del 2022.

Si prevede che la vendita del business HV diluirà su base annuale nel 2021 l’utile per azione su base completamente diluita per circa 10-15 centesimi e che la cessione inneschi nel quarto trimestre del 2020 una riduzione netta di valore non in contanti, che attualmente è stimata essere compresa tra 200 e 225 milioni di dollari. La transazione è soggetta all’ottenimento delle approvazioni normative applicabili e di altre condizioni abituali di chiusura, inclusa la consultazione obbligatoria con i sindacati locali e i comitati aziendali, ove prevista. Al termine della transazione, Gyrus acquisirà gli stabilimenti sia a Saluggia, in Italia, sia a Vancouver, in Canada. Gyrus acquisirà anche i beni HV ed erediterà o farà offerte a dipendenti HV in altri paesi (rispetto alla Francia, nella misura in cui l’offerta vincolante presentata da Gyrus fosse accettata da LivaNova).

L’accordo include le consuete garanzie e limitazioni di responsabilità, incluso il fatto che la Società ha concordato per un periodo di 7 anni dalla chiusura della transazione il rimborso per un importo fino a € 37,5 milioni di alcune spese e di quelle che potrebbero derivare da sostanze pericolose relative a precedenti lavorazioni presso il campus di Saluggia, in Italia.

Il business HV sarà guidato da Christian Mazzi e supportato dall’attuale team di LivaNova HV. LivaNova ha depositato un Current Report sul modulo 8-K presso la Securities and Exchange Commission che fornisce ulteriori informazioni sull’accordo e l’impatto sulla cessione. Fino alla chiusura della transazione, LivaNova opererà il business HV nel normale corso dell’attività, con il business HV e Gyrus che rimarranno entità separate. Goldman Sachs funge da consulente finanziario di LivaNova e Cleary Gottlieb Steen & Hamilton LLP funge da consulente legale. Medeor funge da consulente di Gyrus per transazione e business.

Altri consulenti di Gyrus includono: Deloitte, per aspetti di tipo finanziario, fiscale e scorporo; Alira Health, per aspetti commerciali; Nctm Studio Legale e Eversheds-Sutherland, per aspetti legali.

LivaNova PLC è una società globale di tecnologia e innovazione medica costruita in quasi cinquant’anni di esperienza e attraverso un impegno incessante nel fornire speranza ai pazienti e alle loro famiglie attraverso tecnologie mediche innovative, offrendo miglioramenti che cambiano la vita sia a livello cerebrale che cardiaco. Con sede a Londra, LivaNova impiega circa 4.000 dipendenti ed è presente in più di 100 paesi in tutto il mondo a beneficio di pazienti, operatori sanitari e sistemi sanitari.

Gyrus Capital è una società di investimento focalizzata su investimenti trasformazionali nei settori della sanità e della sostenibilità. Con sede a Ginevra, in Svizzera, l’azienda è specializzata in scorpori di linee business di $ 50-500 milioni con ottimi prodotti e persone, che non sono fondamentali per le loro società madri. Lo scorporo di LivaNova HV segue l’acquisizione da parte di Gyrus di DuPont Sustainable Solutions (leader globale nella consulenza in materia di salute, rischi e sicurezza sul lavoro) da E.I. DuPont de Nemours nel 2019.

Questo comunicato stampa contiene “dichiarazioni previsionali” riguardanti obiettivi, convinzioni, aspettative, strategie, piani di LivaNova e evidenziando assunti e dichiarazioni non necessariamente basate su fatti storici. Queste dichiarazioni includono, ma non sono limitate a, dichiarazioni riguardanti la prevista vendita dell’attività HV o la probabilità o la tempistica della prevista transazione. Fattori importanti che possono far sì che i risultati effettivi siano differenti includono, ma non sono limitati a: (i) la capacità di LivaNova di completare con successo la vendita dell’attività HV; (ii) il mancato ottenimento delle applicabili approvazioni normative o di altro tipo in modo tempestivo o altrimenti; (iii) l’incapacità di soddisfare altre condizioni per l’operazione proposta; (iv) il tempo necessario per portare a termine l’operazione proposta, che può essere più lungo del previsto per vari motivi; e (v) costi o passività imprevisti che possono derivare dalla vendita dell’attività HV. Il precedente elenco di fattori non è esaustivo. Bisogna considerare attentamente i precedenti fattori e gli altri rischi e incertezze che influenzano l’attività di LivaNova, compresi quelli descritti nella sezione “Fattori di rischio” dei Rapporti annuali di LivaNova sul modulo 10-K, nei Rapporti trimestrali sul modulo 10-Q, negli attuali Rapporti sul modulo 8-K e altri documenti di volta in volta depositati presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. LivaNova non fornisce alcuna garanzia (1) che LivaNova raggiungerà le sue aspettative, o (2) riguardo a qualsiasi risultato o tempistica, in ogni caso, in relazione a qualsiasi azione normativa, procedimento amministrativo, indagini governative, contenziosi, lettere di avvertimento, decreto di consenso, riduzioni dei costi, strategie aziendali, andamento degli utili o dei ricavi o risultati finanziari futuri.

Tratto da ansa.it

Ricevi i nostri aggiornamenti